Category Archives: Diritto allo studio

C’era un grande prato verde…

Senza alcun avvertimento agli studenti/esse ed ai lavoratori/trici della mensa universitaria del complesso di S. Apollonia, o ai cittadini del quartiere che da decenni vivono lo spazio, l’15 Giugno
sono iniziati dei lavori di ristrutturazione del manto erboso del chiostro.
Il primo intervento di Giugno.
  
Dopo pochi giorni di lavoro sul terreno, il complesso di proprietà regionale è rimasto inagibile per 3 mesi. Solo i primi di Settembre infatti i lavori sono ripresi per stendere il suddetto manto erboso.
In questo contesto sono almeno tre i punti critici che alimentano domande e perplessità:
Non c’è stata nessuna trasparenza sui tempi e le modalità di svolgimento dei lavori. Trattandosi di un luogo pubblico dovrebbe esserne visionabile il progetto, ma fin dall’inizio pareva che né Regione né DSU lo conoscessero, vista la laconicità delle loro risposte alle nostre domande.
– Ci è stato esplicitamente detto -seppur informalmente- che c’è la volontà di installare un secondo cancello per chiuder l’accesso al cortile, rendendolo mero “giardinetto” da “vedere ma non toccare”, se non per i buffet e le conferenze private che si svolgono nell’Auditorium al piano terra, in linea con la strategia della “città vetrina”.
I costi, stimati sui 50mila €, comprendono quindi questo cancello? O sono stati spesi solo per il rifacimento del prato?
Se la possibilità dell’installazione di un cancello non la consideriamo accettabile a prescindere, ci chiediamo anche perché i lavori, che dovrebbero fondamentalmente consistere nella disposizione di un nuovo manto erboso e nell’installazione di un sistema di irrigazione, sono andati avanti a ritmi ridicoli (o meglio, è tutto bloccato) per oltre tre mesi. Sarà mica stata questa la motivazione di un costo così esoso per questa -pur importante ma non così costosa- opera?
Intanto noi ne rivendichiamo l’apertura, in occasione della giornata di laboratorio di costruzioni con materiali di recupero datata Domenica 18 Settembre.
Abbiamo fabbricato tre sedute con bancali recuperati da alcuni dei tanti stabilimenti della logistica nell’area industriale fiorentina. Inoltre abbiamo posizionato cartelli che indicano l’importanza della tutela del chiostro e del verde urbano.

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PER SANT’APOLLONIA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PER SANT’APOLLONIA
Invitiamo a partecipare all’assemblea di mercoledì 29 alle ore 16 tutte/i le/gli interessate/i al complesso di Sant’Apollonia.
Il complesso è di proprietà regionale ed ospita, su via S. Reparata, la mensa universitaria, un chiostro e, da due anni, La Polveriera.
Dal 10 Giugno il Chiostro, patrimonio del quartiere e della comunità studentesca che da decenni lo vive, è inaccessibile per dei lavori di riqualifica.
Di certo non possiamo che essere contenti della seppur tardiva iniziativa della Regione.
Ciò che ci preoccupa è COME e PERCHE’ questi lavori si stanno svolgendo:
  • nessuna trasparenza sui tempi e le modalità di svolgimento. Trattandosi di un luogo pubblico dovrebbe esserne visionabile il progetto, ma pare che né Regione né DSU conoscano il progetto.
  • La volontà, esplicitamente espressaci, di installare un secondo cancello che chiuderebbe l’accesso al cortile rendendolo mero “giardinetto” per i buffet e le conferenze private che si svolgono nell’Auditorium.
Al fine di INFORMARE la comunità abbiamo indetto un’assemblea invitando
  • i responsabili della Regione Toscana e dell’azienda regionale per il Dirito allo Studio
  • le rappresentanze sindacali dei lavoratori della mensa universitaria (in appalto a CIR food)
  • le rappresentanze studentesche
  • le rappresentanze di Quartiere 1
Sul sito lapolveriera.blogspot.it maggiori informazioni sulla situazione del complesso di Sant’Apollonia e sui suddetti lavori.
Rinnoviamo il nostro invito a partecipare a tutti, lavoratori, studenti ed abitanti del quartiere.
Mercoledì 29 alle ore 16, Chiostro di Sant’Apollonia, via Santa Reparata 12

Serata studentesca DIBATTITO + FESTA sabato 7 maggio

ore 18 
assemblea dibattito “Esperienze e pratiche di riappropriazione ed autorganizzazione studentesca” con collettivi studenteschi ed universitari fiorentini
ore 20 
aperitivo con festa d’autofinanziamento per il workshop della consulta accademica CROCEVIA e per lo Studentato Autogestito di via Ponte di Mezzo 27

Dal NO al nuovo Isee alla nuova occupazione per il diritto allo studio dell’A.S.L. di via Ponte di Mezzo 27

COME AVEVAMO PREVISTO
Che la riforma dell’ISEE approvata dal Governo Renzi avrebbe aggravato il classismo dell’Università italiana lo affermammo già mesi fa, quando ancora i suoi effetti non erano ancora visibili.
Ma come spesso accade a chi fa politica dal basso – cioè nei gruppi informali o auto-organizzati, come i collettivi universitari nel nostro caso –, dopo mesi passati a percepire le preoccupazioni dei propri compagni universitari di fronte a una nuova riforma o una manovra del governo, ci si trova a constatare di aver avuto malauguratamente ragione.
Per mesi infatti abbiamo analizzato e commentato la riforma del nuovo ISEE, denunciando la prevedibile riduzione dei servizi sociali – studenteschi ma non solo – che avrebbe provocato.
Questo perché, facendo tesoro di ciò che ci hanno trasmesso le mobilitazioni contro le riforme di scuola e università e contro i tagli dell’austerity europea, riuscivamo a riconoscere in quella manovra una nuova preoccupante modalità di gestione delle risorse pubbliche, intrapresa dai governi in “tempi di crisi”. Una riforma che appariva in modo evidente come il tentativo da parte del Governo di risolvere il problema dei troppi studenti che risultavano idonei e tuttavia non beneficiari di borse di studio. Questo avveniva e avviene perché dal 2008 il Diritto allo Studio – inteso come voce di investimento pubblico – riceve sempre meno denaro, in modo costante e al di là del colore del governo (sempre che si creda che differenze “di colore” esistano fra gli attuali partiti in Parlamento), parallelamente all’acuirsi di una crisi che rende sempre più povera la maggior parte della popolazione.
In questo contesto l’aumento costante degli idonei non beneficiari (cioè tutte quelle persone riconosciute in difficoltà economica dallo stato ma non aiutate per mancanza di fondi) avrebbe costituito una bomba ad orologeria.
Tornando al nuovo metodo di calcolo dell’Isee, possiamo adesso vedere come gli effetti pronosticati, cioè la diminuzione dei servizi erogati e un aumento generalizzato delle rate, si siano verificati con maggiore gravità del previsto. Questo perché gli enti regionali, oltre ad aver accettato acriticamente le nuove disposizioni, non si sono minimamente organizzati per renderne meno duri gli effetti immediati. In particolare, il nuovo metodo di calcolo prevede – rispetto al precedente – anche il conteggio delle borse di studio percepite, i redditi di eventuali conviventi per chi ha genitori separati, o il conteggio dei redditi di fratelli e sorelle (prima venivano calcolati solo al 50%); in aggiunta l’Ispe non si basa più sull’Ici ma sull’Imu (un cambiamento assolutamente non trascurabile se si considera che un immobile con rendita catastale pari a 500 euro, se prima aveva un valore ai fini Ici pari a 75 mila euro, ora ha un valore ai fini Imu di 120 mila euro).
Insomma: “siamo diventati ricchi e non lo sapevamo”, come recita l’ironico slogan degli Studenti contro il nuovo Isee.
LE COLPE DELLA REGIONE
La Regione Toscana, governata da Enrico Rossi e il Partito Democratico “dal volto umano”, ha applicato i nuovi valori di calcolo senza considerare che questi, praticamente e nell’immediato, avrebbero escluso dalle graduatorie molti dei vecchi beneficiari di alloggio e borsa di studio. Questi si sarebbero di conseguenza ritrovati dall’oggi al domani senza casa e senza sostegno economico, pur avendo mantenuto in sostanza la medesima condizione economica dell’anno precedente.
Non avendo dato ascolto alle sirene dei collettivi e degli analisti più critici, nulla è stato fatto per renderne meno duri gli effetti.
Di fronte a questa emergenza, tramite l’auto-organizzazione degli studenti, si è potuto creare un fronte di protesta unito che ha aggregato non solo i collettivi universitari fiorentini ma anche decine di studenti fra quelli direttamente colpiti dalla riforma, oltre a molti altri solidali.
Sono trascorse settimane di assemblee e proteste di forme diverse, ma dal contenuto sempre univoco: il nuovo sistema di calcolo dell’Isee entrato in vigore a gennaio 2015 è una truffa con cui ci stanno privando del diritto allo studio: gli ormai vigenti parametri di calcolo fanno risultare più alti i redditi delle famiglie, pur essendo rimasti immutati li redditi reali.
Come ammette Carmelo Ursino (non un “agitatore dei centri sociali”, ma il vicepresidente dell’Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario):
la percezione è che il nuovo Iseeu comporterà una contrazione delle domande e di conseguenza del numero degli idonei, […] non è un segreto che i soldi a disposizione del diritto allo studio sono sempre di meno, per il combinato disposto di diversi fattori: il Fondo integrativo nazionale inserito nel patto di stabilità, la titolarità in mano alle Regioni che a loro volta subiscono tagli. Ormai la gestione delle nostre aziende è molto complicata, sarebbe necessaria una revisione profonda di questo fondamentale pezzo del welfare”.
Le richieste immediate della mobilitazione sono sempre state le stesse, quelle necessarie ad affrontare il disagio provocato (VEDI):
  • Proroga dei tempi di uscita dagli studentati.
  • Reinserimento immediato di tutti gli ex-beneficiari di borsa di studio, posto alloggio e contribuzione ridotta.
  • Eliminazione del calcolo ISPE dai requisiti di accesso ai benefici del DSU.
  • Aumento delle soglie ISEE di accesso ai benefici del DSU e riapertura del bando 2015/2016 per non escludere le matricole a causa dei nuovi criteri di calcolo ISEE.
L’ESITO DEL CONFRONTO
Il confronto con la Regione non ha fruttato nessuna soluzione reale, ma solo delle proroghe all’uscita forzata dagli alloggi e alla scadenza per il pagamento delle rate (VEDI). Lo scopo – secondo loro – era di dare agli studenti esclusi il tempo di trovare una nuova abitazione. A nostro avviso invece con queste decisioni hanno provato solo a guadagnare tempo, sperando che nel frattempo l’interesse dell’opinione pubblica e dei media scemasse, mentre il fronte della protesta avrebbe esaurito la sua energia, logorato da false promesse, ipocrisie e chiusure. Perché, fondamentalmente, la Regione e il DSU non hanno né il coraggio né tantomeno la volontà politica di affrontare un disagio che almeno a parole riconoscono, ma che attribuiscono esclusivamente alla mancanza di fondi e alle riforme “imposte dall’alto”. L’assessore Monica Barni ha sostanzialmente ammesso la sua attuale impossibilità di mettere mano alla situazione, promettendo una revisione del calcolo e/o delle fasce fiscali – dal prossimo anno.
Ma chi altri se non loro dovrebbe mediare fra i bisogni degli studenti, delle famiglie e di tutte quelle persone bisognose delle prestazioni sociali agevolate (istruzione, sanità, asili nido, case popolari ecc.) legate all’Isee? Al contrario, gli enti locali se ne lavano le mani adducendo motivazioni burocratiche.
LA DECISIONE DI OCCUPARE
A questo punto l’urgenza di risolvere l’emergenza abitativa di alcuni studenti non più alloggiati, sommata alla determinazione di un gruppo di studenti riuniti sotto il denominatore comune di Studenti contro il nuovo ISEE, ha portato alla decisione di prendere possesso di una palazzina abbandonata da 6 anni ma perfettamente agibile, in grado di ospitare circa 60 persone.
Si tratta di un immobile della ASL oggetto di indagini a causa di uno strano giro di proprietà costato alla Regione ben 4 Milioni (VEDI). E poi dicono che i soldi non ci sono!

L’occupazione è iniziata la mattina di Sabato 14 Novembre, cinque giorni dopo l’ennesimo rifiuto del DSU che, scaduta l’ultima proroga, ha iniziato a sanzionare gli 8 studenti rimasti nelle loro abitazioni nonostante avessero perso la borsa di studio (e con essa il posto alloggio nelle residenze universitarie). L’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario non si è mai presa carico della responsabilità di buttare questi studenti in mezzo alla strada, eppure non ha avuto rimorsi nel farlo, tentando di costringerli ad abbandonare le stanze con il ricatto e l’intimidazione di una penale di 10€ al giorno, quello che tra l’altro a Firenze sarebbe un affitto a prezzo di mercato.
Ovviamente questo per noi era inaccettabile e abbiamo dunque deciso di farci carico in prima persona della risoluzione del problema, lottando per i nostri diritti:
Abbiamo occupato perché era l’unico modo per chiedere una trattativa con il DSU Toscana, l’Università di Firenze e la Regione Toscana. Siamo disposti a uscire solo quando le istituzioni si faranno davvero carico di garantire il diritto allo studio a tutti e tutte, mettendo a disposizione le risorse necessarie e fornendoci una sistemazione abitativa dignitosa. Nelle settimane in cui ci siamo mobilitati abbiamo sempre trovato interlocutori ambigui senza alcun interesse ad avviare una dialettica con noi o semplicemente a provare a comprendere la natura del problema, persone che hanno minimizzato, giocando allo scarica barile con le responsabilità di questa situazione.
Le istituzioni hanno usato la solita scusa per non assumersi le proprie responsabilità: per il diritto allo studio e alla casa non ci sono risorse. Eppure la storia dell’edificio che abbiamo occupato dimostra il contrario.” 
(dal comunicato degli Studenti contro il nuovo ISEE)

A questo punto la Regione – evidentemente colpita nel vivo, cioè negli interessi economici che girano intorno a questa palazzina – ha accettato di incontrarci ad un tavolo alla presenza del Rettore Luigi Dei, promettendo di:
  • accelerare le pratiche per l’apertura di un nuovo studentato a Sesto Fiorentino,
  • battere i pugni sul tavolo alla Conferenza Stato-Regioni per la rimodulazione dell’Isee (ma non prima dell’anno prossimo, non c’è fretta!)
  • lavorare ad una nuova Borsa Servizi che vada a lenire gli squilibri della riforma
  • aprire all’ipotesi di dedicare la palazzina di via Ponte di Mezzo 27 ad un ulteriore studentato (ovviamente vincolando l’ipotesi ad una nostra uscita dall’occupazione)
Questa è la situazione al 20 Novembre, dopo soli sei giorni dal salto di qualità della mobilitazione degli Studenti contro il nuovo ISEE, che dalle prime proteste ad oggi ha visto una radicalizzazione del confronto/scontro con la Regione, e di conseguenza delle pratiche di lotta scelte.
Parliamo di “salto di qualità” quando ci riferiamo a quest’occupazione perché è maturata dall’organizzazione di un comitato di lotta ampio, partecipato da più studenti e collettivi, che ha saputo generalizzare le proprie rivendicazioni senza perdere di vista gli obiettivi pratici più immediati e diretti alla soluzione di un problema concreto: quello dell’insostenibilità degli studi universitari oggi. A partire dall’emergenza casa di coloro che hanno perso l’alloggio o che neanche hanno fatto richiesta di borsa di studi a causa della disillusione di fronte al nuovo metodo di calcolo, le assemblee hanno portato ad un allargamento di campo verso tutti gli interessati dalla riforma dell’ISEE – quindi pensionati, invalidi, coppie separate, ecc. – come pure c’è stato un allargamento verso gli aspetti che riguardano la vita quotidiana di tutti noi: il problema della casa, della mancanza o dello sfruttamento sul lavoro, il problema dello spreco di risorse pubbliche e in generale del mancato rispetto dei diritti che lo Stato dovrebbe garantire. Ognuno di noi percepisce il disagio di vivere in un paese che preferisce spendere in armamenti e guerre, favorire le grandi aziende, spendere in grandi opere inutili come Tav, Expo o magari in visite papali e giubilei vari. Così come ognuno di noi vive sulla propria pelle la difficoltà di trovare un lavoro, che comunque sarà molto probabilmente precario e mal retribuito. È per tale motivo che in questa lotta abbiamo incrociato la strada dei lavoratori di scuola ed università, così come con il Movimento di Lotta per la Casa e con altre realtà di riappropriazione e autogestione: esempi virtuosi di gestione del bene pubblico ai fini della valorizzazione per scopi sociali, verso la conquista di diritti fondamentali come l’abitare, il lavorare, la ricerca del benessere e della realizzazione personale. Perché la nostra lotta non riguarda solo un parametro fiscale per accedere agli studi, ma riguarda la concezione del percorso formativo delle persone oggi: sempre più inaccessibile e funzionale solo al mercato del lavoro. Attenzione: non al lavoro, bensì al mercato del lavoro. Ciò che si nasconde sotto la retorica degli ultimi governi di questo paese è sempre lo stesso meccanismo di selezione di classe e di ridimensionamento delle spese per l’istruzione, considerate un lusso in tempo di crisi. Sin dai tempi del Governo Berlusconi la retorica del merito viene sbandierata per limitare gli accessi e diminuire in termini assoluti il numero degli studenti. Inoltre, diminuendo i fondi ed aumentando i costi per gli studenti e le studentesse, diventa sempre più difficile concludere il ciclo di studi per la popolazione meno ricca.
È per questo che abbiamo guardato ad altre esperienze italiane di lotte studentesche che hanno saputo allargarsi ed uscire dalle mura universitarie per inventare nuove pratiche di lotta concrete ed efficaci. La nostra scelta di occupare una palazzina di proprietà pubblica per metterla a valore – un valore che vogliamo socialmente utile –, è infatti una strada già intrapresa da occupazioni come Communia a Roma o Je so’ Pazz a Napoli; ma anche come la Fattoria senza padroni di Mondeggi, dove dal libero lavoro di alcune decine di persone si è resa possibile la rinascita di un’intera area agricola.
Bene, noi vogliamo intraprendere questa strada, ovvero la messa a valore del bene pubblico da parte della comunità studentesca e non solo, per affrontare direttamente quel disagio causato dalla riforma dell’Isee come dal continuo taglio della spesa per l’istruzione e per il sociale in generale.
DALLA PROTESTA AL PROPOSTA
La nostra decisione di rispondere subito ad un problema concreto nasce anche dalla volontà di costruire qualcosa di innovativo: uno studentato occupato che non sia solo un tetto sopra la testa, ma un luogo di elaborazione creativa di nuovi valori e di nuovi modi di farli vivere e valere, a partire dalla solidarietà e dal mutuo appoggio quali fondamenta di una totale ridiscussione del modo di amministrare i beni pubblici e dello stare insieme. In via Ponte di Mezzo 27 vogliamo aprire uno spazio sociale dove potersi arricchire culturalmente, incontrando altri studenti e studentesse, organizzando dibattiti, proiezioni e letture, condividendo esperienze e saperi, competenze e passioni. La cultura, che in questo paese viene regolarmente derubricata a voce di spesa inutile e sottomessa agli interessi del mercato, secondo noi deve tornare ad essere strumento di conoscenza e di critica dell’esistente, utile alla consapevolezza di ognuno di noi e del mondo in cui viviamo. Vogliamo aprire uno spazio sociale che garantisca la possibilità di potersi informare e organizzare per risolvere le proprie beghe universitarie, come pure per poter affrontare il mondo del lavoro – precario ed ipersfruttato – con maggiore consapevolezza e strumenti per difendere o conquistare i propri diritti.

Oggi le burocrazie universitarie e sindacali rendono ognuno di noi un burattino incapace di far valere i propri diritti. La prima mossa per passare al contrattacco è: NON DELEGARE.

Vogliamo aprire uno spazio che sia punto di riferimento per un quartiere, quello di Novoli e Rifredi, che sta affogando nell’individualismo e nel degrado sociale.
Qua dentro vogliamo dare la possibilità e la speranza a tutti i vicini di casa di poter migliorare le proprie condizioni di vita discutendo dei problemi del quartiere e non solo, e poi di come risolverli.

Martedì 24 alle 21 ci sarà un’assemblea di quartiere, per spiegare al vicinato quello che stiamo facendo. Per gli studenti interessati, invece, abbiamo fissato uno sportello per il Diritto allo Studio ogni martedì dalle 10 alle 13 al Polo di Novoli, edificio D5. Oppure potete passarci a trovare direttamente in Via del Ponte di Mezzo 27 a qualunque ora.

da Repubblica – Firenze cronaca 31/10/2015

“Qui c’è il cenacolo di Andrea del Castagno, qui c’è la chiesa restaurata e opportunamente trasformata in un comodissimo auditorium: ma sempre qui, se varchi la soglia del Chiostro della Badessa, precipiti all’istante in quel che sembra il centro di Palermo di qualche anno fa o quello di Cosenza Vecchia oggi. Si tratta di uno dei chiostri più grandi di Firenze: chiuso sui tre lati da un colonnato in ordine ionico, di pieno quattrocento e di rara eleganza. Un paradiso trasformato in inferno. Lasciamo perdere l’oscena quinta di cemento su via santa Reparata, degradatasi a velocità superiore a quella dell’architettura rinascimentale cui si appoggia. Quello che potrebbe essere un mirabile giardino o un orto urbano è un acquitrinio pieno di detriti ed escrementi. Alle testate del portico quattrocentesco si accumulano rifiuti ingombranti, vicini ai motori degli impianti di condizionamento, deturpantissimi. E poi le scritte: non solo quelle in greco del Sessantotto (ma anche quelle, magari dopo averle fotografate, vanno tolte: siamo seri!), ma una miriade di altre, fino ad alcune recentissime, proprio sotto quel che rimane degli affreschi tardo-barocchi. Di chi è la colpa? Non del Diritto allo Studio: che si è già dissanguato per rimettere a posto un complesso che utilizza solo in parte. Il fatto è che il Chiostro è caduto nel buco nero burocratico del passaggio tra il demanio e la regione e nell’attesa che qualcuno sbrogli la matassa della maledetta proprietà, il degrado si fa sempre più grave, vicino all’irreversibilità. E come spesso accade, il silenzio della soprintendente Marino è assordante: davvero la soprintendenza non ha nulla da dire, e nessuno da richiamare, di fronte all’agonia di questo straordinario monumento?
Qualcuno opinerà che è colpa degli studenti, che hanno occupato un’aula o due del primo piano, e che hanno chiesto e ottenuto (ed è stato un errore concederlo in queste condizioni) che il chiostro rimanga aperto fino a mezzanotte. Credo che sia giusto, anzi sacrosanto, che gli spazi monumentali del centro di Firenze ospitino la vita quotidiana dei fiorentini, a cominciare proprio dagli studenti. Anzi: queste presenze sono l’ultimo dettaglio che ci distingue da un parco a tema popolato di figuranti. Ma il prezzo non può essere l’abbandono totale: lasciare andare in malora quel chiostro “perché è degli studenti” significa associare il bene comune al degrado, la democrazia allo sporco, l’uguaglianza alla mancanza di bellezza. E per di più avviare una spirale di degrado che vanifica qualunque sforzo di crescita civica e culturale che quegli studenti possano fare nelle loro aule: perché, parafrasando Nanni Moretti, chi vive in un posto brutto, diventa brutto. E qui, però, è la giunta di Dario Nardella che deve farsi un esame di coscienza: un’amministrazione che vende ai privati palazzi e giardini pubblici che cosa offre ai ragazzi, che hanno bisogno di spazio pubblico come del pane? Alberghi di lusso e ristoranti stellati? È questo il vero dramma di Firenze: di fronte al quale impallidiscono le pedanti e marginali indicazione dell’Unesco. A pochi metri da Sant’Apollonia, il grande scheletro di Sant’Orsola ci ricorda che la rovina materiale è solo la conseguenza della mancanza di un progetto politico, di una idea di città.”

(Tomaso Montanari, su Repubblica – Firenze cronaca del 31/10/2015)

STUDENTI CONTRO IL NUOVO ISEE – La Polveriera

E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti [e tutte, ndr]all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.” (art.3 della Costituzione)


Se invece di rimuovere gli ostacoli – come prescritto dalla sua legge fondamentale – il governo ne impone di nuovi, insorgere è un dovere, prima ancora che un diritto.
La lotta intrapresa di recente dagli STUDENTI CONTRO IL NUOVO ISEE su tutto il territorio nazionale apre la possibilità di catalizzare rivendicazioni ben più ampie rispetto al solo ambito studentesco da cui ha preso le mosse.
Nelle ultime settimane abbiamo assistito a manifestazioni, presìdi e cortei studenteschi che denunciavano a gran voce le gravi incongruenze tra i risultati prodotti dal nuovo metodo di calcolo della situazione economica delle famiglie italiane e il loro effettivo livello di benessere: “siamo diventati ricchi e non lo sapevamo”, questa è l’assurdità che ci siamo ritrovati a constatare.
Con la rabbia di chi teme per il proprio presente e futuro, abbiamo preteso unanimemente un confronto con le istituzioni, compiendo un primo importante passo per uscire dall’isolamento e dell’apatia sociale che ci rende deboli e ricattabili. 
Il 13 ottobre, incoraggiati dalle mobilitazioni studentesche diffuse in molte cittàitaliane, ci siamo presentati alla sede fiorentina dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, per discutere e ritrattare personalmente la condizione di più di 360 studenti che, secondo il nuovo metodo di calcolo dell’ISEE, risultano “NON PIU’ IDONEI” ad avere un alloggio o un’agevolazione per gli studi nonostante la loro condizione economica sia rimasta invariata.
Insieme a questi studenti ingiustamente esclusi dalle graduatorie abbiamo chiesto ed ottenuto una proroga della data di uscita dagli alloggi (dal 15 ottobre, come previsto dal Dsu, è stata spostata al 25 ottobre) e preteso l’impegno di una presa di posizione politica in difesa dei diritti di TUTTI gli studenti davanti all’opinione pubblica, alla Regione e al Ministero.
Possono sembrare traguardi di piccola entità se paragonati ai cambiamenti necessari per far sì che si possa raggiungere un effettivo stato di “welfare”: tuttavia la nostra lotta è costretta ad ripartire dalle basi, dovendo combattere non per uno stato del benessere ma per uno stato dove non siano i fondi destinati ai diritti fondamentali ad essere razionati.
È quindi necessario che la proroga venga sfruttata con astuzia per alzare il livello del conflitto, coinvolgendo coloro che ancora non si sono accorti dell’effetto che può provocare una richiesta legittima e ben motivata.
Per questo motivo, in qualità di studenti e di membri dell’assemblea della Polveriera, il 14 OTTOBRE abbiamo partecipato all’Assemblea del Senato Accademico per far valere le nostre rivendicazioni e per arrivare dove il Dsu non può o non ha interesse di arrivare, rappresentando la situazione di molti studenti che pur non avendo perso la casa si vedono negata la possibilità di proseguire i loro studi per un aumento spropositato e ingiustificato delle tasse universitarie.
In questo modo lavoriamo affinché la nostra lotta possa smuovere dalle fondamenta la società intera, anche al di fuori del contesto studentesco, arrivando a mettere in discussione le manovre economiche prese da un governo che aumenta la soglia reddituale delle famiglie ma non adatta le soglie che danno diritto alle prestazioni sociali, dalle riduzioni dei ticket sanitari alle agevolazioni sui trasporti fino alle pensioni di invalidità.
Tali cambiamenti pesano inevitabilmente su un’ampia percentuale della popolazione, i cui volti sono difficili da scorgere leggendo freddi fogli di statistiche che utilizzano indici parziali e categorie poco rappresentative della realtà (come, ad esempio, il valore irrilevante che viene dato alle varie forme mi disabilità).
Continueremo a pretendere un dialogo diretto con le istituzioni, in quanto è la lontananza tra la politica e le persone comuni che consente a chi pretende di governarci di contraddire l’interesse comune (vedi l’articolo 3 della Costituzione sopra citato) prendendo decisioni che peggiorano palesemente le condizioni di tutti.
PER QUESTO È NECESSARIO ESSERE PARTECIPARE IN PRIMA PERSONA ED ESSERE PRESENTI:
LUNEDÌ 19 OTTOBRE – ore 21:00 assemblea degli studenti di tutte le residenze universitarie alla residenza di Salvemini.
MERCOLEDÌ 21 OTTOBRE – presidio presso il Consiglio di Amministrazione del DSU in Viale Gramsci 36.

VENERDÌ 23 OTTOBRE – presidio sotto il Consiglio Regionale Toscana in via Cavour 4.

Sant’Apollonia: lo stato di cose a 10 mesi di occupazione



In molti, attraversando gli spazi della Polveriera, ci chiedevano di come procedesse la trattativa con la Regione ed il DSU, le due istituzioni responsabili della (mala)gestione di Sant’Apollonia. Nel precedente comunicato(link)raccontavamo del nostro stupore (e dei nostri sospetti) sull’ignoranza, nel senso stretto del termine, della Giunta regionale riguardo ai progetti su questo luogo. Ad oggi, consapevoli delle necessità di tenere alta l’attenzione, possiamo tirare un primo sospiro di sollievo: il DSU ha recepito il nostro progetto e lo ha inoltrato all’Assessorato all’Istruzione che, in accordo con l’Assessorato alla Cultura, presenterà alla prossima Giunta regionale, Lunedì 16 Marzo, il

progetto di riqualifica che terrà conto del nostro materiale (link).


Cosa significa tutto ciò? Significa che se prima l’intero complesso era di proprietà dello Stato, attraverso la legge per il federalismo demaniale (ovvero il passaggio di alcune proprietà dallo Stato alle Regioni) la Regione Toscana si approprierà di una parte del complesso di Sant’Apollonia sulla base di questi progetti. Purtroppo, come riportato nel precedente comunicato, esisteva già una pratica in atto, che non comprende l’intero complesso, infatti l’ala tangente via 27 Aprile è gestita (o sarebbe meglio dire, NON è gestita) dal Min. della Difesa. Questa parte, che un tempo ospitava la foresteria dell’ex circolo per sottoufficiali, con questa pratica resterà di proprietà demaniale.
(Lo schemino facilita la comprensione della situazione irragionevolmente intricata e le future possibili evoluzioni)
Ad oggi quindi, grazie alla nostra azione, le procedure di riqualifica dell’intero complesso sono state accelerate. Siamo riusciti ad ottenere la presa di impegno affinché il vecchio progetto venga modificato a passaggio di proprietà avvenuto, così da non rallentarne i tempi e allo stesso tempo poter lavorare per alle modifiche sostanziali – che vanno verso la ri-pubblicizzazione dell’intero complesso – contenute nel documento da noi elaborato.

Tutto questo ci basta? No di certo! Il 9 Marzo abbiamo incontrato i due assessori, Bobbio e Nocentini, ed abbiamo chiarito che ancora molto dev’essere fatto:
  1. una volta approvato il passaggio dovranno essere reperiti i fondi (almeno 1 Milione e 300mila € per gli interventi più urgenti) che l’Assessorato all’Istruzione deve investire per i lavori.
  2. dev’essere avviata una procedura per l’acquisizione della parte oggi non compresa nel progetto.

Un corpo mantiene il proprio stato di quiete, finché una forza non agisce su di esso.”

Tutto questo ci mostra come organizzandosi e agendo si possono modificare le scelte delle istituzioni, strappando anche risultati importanti, sempre se – e solo se – l’azione è collettiva, cioè discussa e partecipata da una collettività che decide di investire le proprie capacità ed energie alla trasformazione dello stato di cose attuale.
Per questo intendiamo proseguire nella stessa direzione: presidiare ogni passaggio burocratico, informare e rendere partecipi studenti ed abitanti del quartiere, ovvero i veri proprietari di Sant’Apollonia.


Invitiamo quindi tutte e tutti Lunedì 16 Marzo alle ore 15 alla Polveriera per recarsi sotto la giunta regionale a mostrare tutto il nostro interesse e la nostra determinazione

PER IL DIRITTO ALLO STUDIO, PER IL DIRITTO ALLA CITTA!


PRESIDIO per SANT’APOLLONIA BENE COMUNE sotto la sede dell’ARDSU! DOMANI 4 Marzo ORE 14 VIALE GRAMSCI 36

Domani 4 Marzo (in viale Gramsci, 36, dalle ore 14.30) si riunirà il Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario, durante il quale si discuterà soprattutto del futuro di Sant’Apollonia.
Il progetto che verrà discusso non tiene assolutamente conto delle necessità degli studenti e degli abitanti del quartiere che già da tempo hanno ribadito con forza che Sant’Apollonia deve restare un bene pubblico, dopo e durante (visti i lunghi tempi previsti) i lavori di recupero e valorizzazione.
Così si è creata un’Assemblea per Sant’Apollonia Bene Comune, con l’intento di presentare una proposta alternativa che vada incontro ai bisogni reali e non ai bisogni d’ufficio.
Domani presenteremo questa proposta di progetto direttamente al CdA, anche senza invito.
Per questo motivo la Polveriera chiama studenti, cittadini e comitati a presidiare l’ingresso della sede dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario durante il Consiglio di Amministrazione (inizio ore 14,30) che pretende di decidere sulle nostre teste: contro le politiche inefficienti che hanno portato all’abbandono dell’intero complesso, contro la miopia istituzionale verso le concrete necessità dei cittadini:
CONTRO DEGRADO E SPECULAZIONE, 
PER IL DIRITTO ALLO STUDIO,
PER IL DIRITTO ALLA CITTA’

Proposta di progetto di recupero e valorizzazione del complesso dell’ex-convento di Sant’Apollonia

Queste pagine saranno presentate e protocollate mercoledì 4 marzo in occasione del consiglio di amministrazione dell’Azienda regionale per il diritto allo studio. L’appuntamento è mercoledì 4 alle ore 14 davanti alla sede Ardsu di viale Gramsci 36 per far sentire la nostra voce con forza e decisione.