Tag Archives: RibellArti

Riconoscete qualcosa? Serata a cura di RibellArti

Un oggetto non appare mai come interamente dato, la soggettività gli attribuirà sempre un giudizio. Motivo per il quale in seguito ad una prima visione le proiezioni e le combinazioni che si apriranno alla nostra mente sotto forma di ricordo-immagine saranno ricche di particolari dati dalle nostre emozioni, trasferimenti di significato attuati individualmente da ogni persona, i quali, all’apparenza, potrebbero sembrare completamente estranei.

Ecco quello che abbiamo voluto dunque fare: dare spazio alla nostra visione, sottolineando che la realtà non è sempre reale in quanto tale ma può essere plasmata, manipolata sotto ogni punto di vista.

PROGRAMMA

h. 16.00 – 20.00 –> Workshop Subvertising con Hogre, Illustre Feccia, DoublewhY_Y

h. 20.00 –> Aperitivo sociale

h. 21.00 –> Anteprima dello spettacolo del “Teatro delle Ombre” (Collettivo RibellArti)

h. 22.00 — > Concerto dei Nikotina – AnarcoPunk da Firenze

______________________________________________________

SUBVERTISING
con Hogre, Illustre Feccia e DoublewhY_Y.

Workshop sullo spazio pubblico e le immagini di propaganda pubblicitaria. Durante la giornata interverremo su immagini pubblicitarie per reagire in prima persona alla costante imposizione ideologica che subiamo tutti i giorni

porta pennelli, pennarelli e tutto quello che vuoi usare!
Il Workshop è a numero chiuso!
Lasciate un messaggio su questa pagina se volete partecipare.

______________________________________________________

TEATRO DELLE OMBRE
del Collettivo Ribellarti

Lo spettacolo affronta il tema della “percezione”, declinato, in particolare sulla percezione della nostra “libertà di agire”.

Quanto siamo condizionati nelle nostre azioni? Cosa ci può portare a ribellarci alla percezione “imposta” dal mondo dentro e fuori di noi?

Il Teatro delle Ombre verrà rappresentato a dimensione umana.

Le ombre saranno fatte dai corpi delle persone e si muoveranno su un gioco di luci bianche e colorate costruendo le azioni con musica e suoni.
______________________________________________________

Dopo il concerto in Polveriera, ci trasferiamo tutti al NEMA, il Next Emerson Museo Autogestito.

Il Museo è aperto da poche settimane e si trova all’interno del CSA nEXt Emerson in via di Bellagio, 15a Firenze.

Nel Museo, RibellArti presenterà una nuova mostra.

La mostra sarà composta da 13 fotografie. Basandoci sul tema della percezione abbiamo lavorato su immagini modificate con varie tecniche, dal ritocco fotografico al collage.

Due-giorni di arte: incontri, decorAzioni, concerti e confronti

17-18 febbraio. A Firenze, un fine settimana ricco di eventi, arte, incontri e confronti.

“Chi governa dice ‘nessuno tocchi le città’, mentre lo dice però le tocca, e certo non piano, le trasforma, le devasta, limita ogni giorno più lo spazio pubblico nel sogno del controllo totale, gelide vetrine per ospitare capitali, grandi eventi fotocopiati scimmiottando cultura, turisti danarosi e aperitivi replicati indicano la direzione del sogno di qualcuno.
Ma bellezza di Firenze, di Milano e di ogni città è data dall’azione dal basso di chi le vive e le attraversa; le pratiche artistiche di strada hanno una storia lunga e multiforme, di diffusione planetaria, totalmente multietnica e multiculturale.
Non può essere questione di richieste, permessi e burocrazia, non è qualcosa che si può controllare se non per rendere il tutto asettico, triste e falso.
Non ci interessa il dibattito buono/cattivo, e ci repelle ragionare su legale o illegale.
La nostra arte vuole essere pubblica.”

Vogliamo discutere di questo e di altro con artisti e progetti fiorentini, milanesi e di altre città, con il collettivo Wiola Viola, con l’assemblea RibellArti e con chi altri vorrà partecipare. Cercheremo confronti e parallelismi fra luoghi simili e diversi, proveremo a  capire le possibilità di azione ed espansione di reti solidali di scambio e produzione artistica, e tenteremo di analizzare le nuove forme e pratiche d’arte che da qualche anno si vanno sperimentando.
C’è nell’aria un nuovo modo di fare, e ne vogliamo parlare tutti insieme.

ELENCO DEI TAVOLI:

Le nuove forme di produzione e diffusione artistica
// Dove parleremo di diritto d’autore, copyleft, luoghi e freschi modi di (ri)produzione dell’arte contemporanea.
Corrado Gemini (CTRL)
Stefano Bonora (curatore indipendente)
Vincenzo Marrese (artista)
Rocco Qahwa (musicista)
Marco Teatro (artista)
Daniele Gambetta (scrittore)

La repressione nell’arte
// Dove affronteremo l’aspra questione confrontando le esperienze fiorentine con quelle milanesi e di altre città, e dove proveremo a misurare le possibilità reali di una rete solidaristica antagonista.
Domenico Melillo (avvocato e autore)
Angela Ferravante (avvocato)
Andrea Cegna (autore)
Mehstre (artista)

Decor.Azioni
// Dove esporremo e pittureremo.
Piger, Marco Teatro, ivan, Frode, Mister Blob, Stefano e Mattia Bonora, Endone, Mehstre, Mister Caos, Movimento per l’Emancipazione della Poesia, RibellArti crew, Tele Brucio, Jamesboy

PROGRAMMA:

– SABATO 17/2 (@ LaPolveriera SpazioComune)

Ore 16: Tavolo “Le nuove forme di produzione e diffusione artistica”
Ore 18: Presentazione della rivista RibellArti
Ore 20: Aperitivo/cena
Ore 21: Concerti di Iena (Firenze/punk oi) + Nofu (Roma | hc vecchia scuola) + Twinz dj-set (Milano | elettronica in creative commons)
Tutto il giorno: “Decor.Azioni”

– DOMENICA 18/2 (@ Occupazione Viale Corsica)

Ore 15: Workshop di xilografia a tema “Insettario, erbario”
Ore 18: Tavolo “La repressione nell’arte”
Ore 20: Aperitivo/cena
Ore 21: Mimmi & LaPonto dj-set
Tutto il giorno: “Decor.Azioni”

// Gli incontri saranno seguiti da Radio Wombat Firenze. / Sempre sintonizzati.

// Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito.

“Musica e colore, artisti e cittadini, insieme a Wiola raccontiamo una città diversa. L’arte è comunicazione, è trasformazione, è un processo che istintivamente connette, racconta, evolve il tessuto urbano e sociale. Wiola tocca i muri, li respira insieme a noi, per raccontarci che è solo nella ricchezza delle differenze che si può costruire un modo nuovo di vedere la città: più positiva, accogliente, e soprattutto unita attorno alla convinzione che colorare un muro non può essere un crimine.”