Tag Archives: antifascismo

Presentazione “Disegni Ribelli”, di Milena Prestia

Sabato 21 Aprile h18,30 a LaPolveriera SpazioComune, presentazione del libro:

“diSEGNI RIBELLI, storie di partigiani di amore e di libertà”

114 pagine di illustrazioni a colori di 6 interviste a Partigiane e Partigiani tratte dal volume e dvd: “Ribelli! Gli ultimi partigiani raccontano la Resistenza di ieri e di oggi” di Chiara Brilli, Domenico Guarino, Paola Traverso e Massimo d’Orzi, Infinito Edizioni.

con l’autrice Milena Prestia,
introduce Maurizio Lampronti dell’Archivio del ’68.

“Ogni storia inizia con il ritratto della / del protagonista che la racconta ed è realizzata con una tecnica illustrativa diversa.
Ho scelto di non avere case editrici, per disporre della libertà di distribuirlo anche a chi non ha possibilità economiche, quindi senza prezzo di copertina ad offerta libera, possibilmente di persona a seguito di relazioni e confronti diretti, perché il mio unico obiettivo è quello di divulgare quanto più possibile i valori della Resistenza e la verità sempre più occultata dell’orrore nazifascista, discutendone e scambiando pareri e obiettivi.

Ho pensato a questo metodo più coinvolgente e piacevole, per affrontare in particolare con i ragazzi l’informazione che non viene data loro, come dovrebbe essere, né sui libri di testo né nelle discussioni in classe.

Il mio obiettivo, proprio dal titolo originale del testo dal quale ho tratto le testimonianze illustrate, “…LA RESISTENZA DI IERI E DI OGGI”, è anche quello di partire dall’esperienza delle ragazze e dei ragazzi di quell’epoca che hanno dato o rischiato la vita per cambiare la società di allora, e fare un confronto sul modo di affrontare i problemi della società di oggi.
Dalla socialità (o solitudine) al bullismo, dal ruolo delle donne alla violenza che subiscono, dalla disoccupazione al razzismo ed al vero motivo del fenomeno dei migranti. Argomento utilizzato dai nuovi fascisti per irretire i giovani e la parte di società più colpiti dalla crisi.

Milena Prestia.”

a seguire:

ore 21 spettacolo teatrale “ANTIGONE ” di Sofocle,
a cura del Laboratorio Teatrale de La Polveriera https://www.facebook.com/events/102214963963486/

Durante la serata sarà aperta la zona bar con stuzzichini per tutti i partecipanti.

La Polveriera è uno spazio comune, autogestito e no profit.
La Polveriera è antisessista, antirazzista e antifascista.

Assemblea Antifascista! – Dax Vive nelle Lotte! – ReteCollettiviFiorentini

Terza assemblea del ciclo di assemblee antifasciste!
https://m.facebook.com/events/177750782952888

A 15 anni dall’omicidio di Davide “Dax” Cesare,ucciso da neofascisti a Milano la notte del 16 Marzo 2003,iniziativa antifascista alla LaPolveriera SpazioComune con la proiezione del documentario “La notte nera di Milano” e con alcuni compagni che ci parleranno del clima antecedente all’uccisione di Dax,di quella maledetta notte,dall’omicidio alle cariche e i pestaggi della polizia ai danni dei compagni accorsi in ospedale,e delle conseguenze che seguirono.
Per non dimenticare mai chi ha pagato con la vita il proprio antifascismo e la propria militanza,per non dimenticare mai chi sono veramente i fascisti.

A seguire aperello benefit per le spese legali che i compagni e le compagne di Firenze Antifascista dovranno affrontare nei prossimi mesi e punta studentesca per il corteo antifascista del giorno dopo!
https://m.facebook.com/events/504335249967701

DAX VIVE NEL CUORE DI CHI LOTTA

REPORT della SECONDA ASSEMBLEA delle REALTÀ ANTAGONISTE TOSCANE (9 ottobre 2016, Firenze)

REPORT della SECONDA ASSEMBLEA delle REALTÀ ANTAGONISTE TOSCANE (9 ottobre 2016, Firenze)

Cub Firenze
Cub Toscana
Occupazione di Via del Leone
Occupazione di Viale Corsica81
Newroz Pisa
Ateneo Libertario
Iniziativa Antagonista Metropolitana
Collettivo Putilov
Movimento di Lotta per la Casa
Casa Rossa Occupata
Torpedo Lucca
Cip S.Concordio
Il Tafferuglio
Spazio comune La Polveriera
Cantiere Sociale Versiliese
Cantiere sociale Camilo Cienfuegos
Area Globale
Rete dei Comunisti Toscana
Eurostop Toscana
(se ci siamo dimenticati di qualcuno scrivetecelo e lo aggiungiamo)

A seguito dell’assemblea a Massa era stato mandato un primo elenco delle realtà intervenute. Questa seconda volta hanno partecipato anche diverse nuove soggettività (autogestioni, collettivi -studenteschi, culturali e politici-, sindacati di base), di cui manca tuttavia un elenco esatto e dunque chiediamo qualora qualcuno fosse stato escluso di scriverci in privato e lo aggiungeremo quanto prima.

Com’è andata.
Sono state distribuite stampe col report del precedente ritrovo a Massa e da lì si è ripartiti, tutti condividendo quanto era stato detto e i punti a cui si era giunti. Dopo un riepilogo, i molti interventi hanno generalmente insistito sull’opportunità di trovare linguaggi e momenti assembleari e di piazza comuni (sempre tenendo presente il rispetto delle singolarità e delle pratiche da loro promosse) per affrontare la fase attuale.

E’ stata ribadita la centralità dell’appuntamento del referendum, sebbene non riguardi prettamente il nostro campo, e lo si è visto come affrontabile su due diversi livelli: sull’aspetto tecnico (analisi del tentativo di controriforma), ma soprattutto riuscendo a declinare l’opposizione alla riforma costituzionale in terreni sociali (lotta per la casa, lavoro, istruzione, …).
Al riguardo è stata sottolineata anche l’importanza del fattore soggettivo, di come questa scadenza crei una polarizzazione di interessi per il significato che sta assumendo di ‘zampata’ al governo. In più si tratta di una tappa che in Toscana ha un significato speciale perché è qui che Renzi-e-compagnia sperimentano quelle pratiche di taglio del welfare sociale che sono poi riportate a livello nazionale.
Dunque occorre rafforzare i nostri locali sforzi per intraprendere questo percorso, usare l’appuntamento referendario come opportunità per fare emergere le lotte sociali e politiche contro questo governo e contro il sistema capitalista.

Inoltre è emersa una diffusa volontà di dare vita a percorsi comuni, che non si fermino alla scadenza del 4 dicembre, ma che intessano una rete e un piano d’azione che siano in piedi a prescindere dall’esito del referendum.
Sono state quindi individuate alcune date, ritenute importanti occasioni di mobilitazioni comuni: 21 ottobre con uno sciopero sociale dislocato nelle varie città toscane e nello specifico si è richiesto un intervento massiccio alla manifestazione di Pontedera, 22 ottobre a Roma per il No Renzi Day, 5 novembre a Firenze per la contestazione alla “Leopolda del si”, 27 novembre a Roma per la manifestazione nazionale contro la riforma costituzionale.

Sul 5 novembre alla Leopolda di Firenze, è stato rilevato come per la controparte quella sarà la passerella del Sì. Avrà quindi un valore altamente simbolico e non mancare sarà importante.

Si sono poi affrontate, o meglio sarebbe dire accennate altre numerose tematiche: l’alternanza scuola/lavoro, diritto di reddito/occupazione/sopravvivenza, diritto alla casa/diritto all’abitare, necessità di acquisizione di coscienza di classe, immigrazione, centralità dell’UE nelle dinamiche di potere, importanza di prestare attenzione alle periferie regionali, necessità che movimenti e sindacati tornino ad avere momenti di scambio sempre più frequenti (a fronte di un nemico comune), generale percezione di un diffuso fermento (palpabile, ma che incontriamo troppo poco).

In più, considerando l’eterogeneità di percorsi e provenienze e intendendo valorizzare certe ‘specializzazioni’, si ritiene una vera opportunità la messa in comune di specifiche competenze: volontà è quella di costruire momenti in cui condividere le esperienze e conoscenze delle diverse realtà, a seconda di ciò che è stato meglio sviluppato.

(Sarà creata a breve una mailing-list, con le solite scontate raccomandazioni sull’utilizzo) e si chiede quindi di inviare alla pagina della Casa Rossa Occupata un messaggio con le mail da dover aggiungere.

Infine, dal punto di vista politico, è emersa una chiara esigenza di relazione. Vari interventi hanno insistito su come il referendum e le nostre lotte sociali vadano a intersecarsi e aprano scenari e possibilità. Pensiamo di poter incontrare una classe che sta subendo tutte le contraddizioni del capitalismo nella sua versione italiana ed europea, e per questo disposta a lottare.

Il prossimo appuntamento è a Lucca, domenica 23 ottobre ore 15.30, alla biblioteca Popolare San Concordio

Seconda assemblea delle realtà antagoniste toscane

Cogliendo l’invito della Casa Rossa Occupata, occupazione presente a Massa da 4 anni (link), ci siamo resi disponibili ad organizzare a Firenze il secondo appuntamento della cosiddetta “assemblea antagonista toscana”, ovvero un’assemblea composta da tutte quelle realtà toscane che hanno aderito all’appello della CRO (qui link) e che si pone l’ambizione di rispondere ad una necessità oggettiva per chi oggi lotta contro le avversità del sistema (povertà, disuguaglianza, razzismo…) e la repressione padronale (licenziamenti, denunce, squadrismo fascista…), ovvero quella di coordinarsi e supportarsi.

L’appello insisteva molto sulla necessità di ripartire collegando chi nei territori lotta in maniera autorganizzata, riconoscendo le difficoltà storiche di perseguire esperienze ricompositive andando oltre le differenze di “area” di appartenenza. Proprio per questo il livello della partecipazione alla prima assemblea è stato più che positivo: più che la volontà di unirsi a prescindere c’è stata una disponibilità all’ascolto reciproco ed il riferimento ad una fase drammatica per milioni di persone.
Il neoliberismo oggi non è solo dominante, ma è teoria del pensiero unico. Il capitale finanziario, “i mercati” da rassicurare, rappresenta quella mano invisibile che governa l’economia. Ma questa mano invisibile ha nomi e cognomi, e sedi fiscali in paradisi del fisco.
Oggi nel nostro territorio, la Toscana, questo modello di sviluppo dominato dalla ricerca del profitto ad ogni costo è organizzato nel Partito Democratico, che ben prima dell’approdo di Renzi alla Presidenza del Consiglio -ma che con lui ha subito un’accelerazione in tal senso- ha stabilito un laboratorio sperimentale nella nostra Regione e nella vicina Emilia Romagna.
Un laboratorio di governo in primo luogo di gestione delle risorse, in senso corporativista ed aziendalista. Sanità, scuole, asili, casa, spazi e beni pubblici, ma anche ambiente e lavoro, sono i terreni di scontro più acre fra i diritti delle persone e gli interessi del capitale.
Ma anche un governo del consenso, mostrando un partito che si fa burocrazia europea e che declina capillarmente la narrazione neoliberista della necessità di certe politiche di sacrifici ed austerità, affidando app.
Ecco, noi a partire dall’opposizione a tutto questo rilanciamo il secondo appuntamento toscano, affinché si costituisca una rete resistente, solidale e conflittuale che a partire dai ragionamenti e dalle pratiche condivise sappia darsi una strategia oltre al livello immediatamente locale, colpendo il PD e gli interessi padronali dove più lo riterremo efficace.
Abbiamo parlato di istruzione, casa, sanità, diritto agli spazi, ma anche di lavoro e delle politiche guerrafondaie dell’Unione Europea nello scacchiere imperialista internazionale, che oggi ci colpiscono solo indirettamente, ma che portano nelle nostre città centinaia di migranti, gestiti dallo Stato e dalla UE come merci sulle quali far profitto o utilizzati come merci di scambio, appunto, per altri fini, durante le trattative europee.
Anche a partire dalle nostre pratiche quotidiane, sul territorio toscano esistono invece esempi concreti e radicalmente alternativi di affrontare l’aumento di immigrazione, spesso transitoria, sui nostri territori.
Ognuna delle realtà intervenute ha descritto le proprie lotte, auspicando una maggiore comunicazione fra realtà territorialmente così vicine, sia dal punto di vista pratico (reciproco sostegno in caso di bisogno), sia da quello teorico (maggiore condivisione di idee, di approfondimenti, di conoscenze e di pratiche), insistendo comunque sull’eterogeneità come valore e non come ostacolo.
Con questo appello vogliamo quindi rilanciare le proposte emerse fin’ora:
  • individuare già nel terreno del referendum un primo banco di prova per approfondire un discorso comune
  • organizzare incontri seminariali e di reciproca conoscenza nelle città che hanno una particolare esperienza su un tema
  • realizzare strumenti di comunicazione virtuale e di raccordo fra le varie realtà. Il gruppo e la mailing list sono già in creazione quindi chiediamo ad ogni realtà di lasciarci contatti fb o indirizzi mail.

Report e conclusioni dell’assemblea toscana delle realtà antagoniste

REALTA’ INTERVENUTE: 

– Sars Viareggio 
– USB Toscana 
– Eurostop Toscana 
– Polveriera Firenze 
– Rete dei Comunisti Toscana 
– Brigata sociale antisfratto Viareggio 
– Area Globale Massa 
– Giovani Comunisti Siena 
– Torpedo Lucca 
– (ex) Occupazione di Via Toselli Firenze 
– Cantiere Sociale Viareggio 
– Collettivo SUM Firenze
 – Centro di Documentazione Gino Menconi Massa 
– Collettivo Bujanov Valdarno 
– Collettivo Autonomo Studenti Lucchesi 
– Prato (realtà in formazione) 
– Rep. Viareggina 
 – Circolo Partigiani Sempre Viareggio 
– USB Pisa 
– Casa Rossa Occupata Massa

REALTA’ CHE HAN DATO L’ADESIONE MA NON INTERVENUTE: 
– Collettivo Scienze Politiche Firenze 
– Rete dei collettivi Fiorentini 
– Collettivo K1 Macchiavelli-Capponi Firenze 
– Biblioteca Archivio Germinal Carrara 
– Cip S.Concordio Lucca 
– CSOA Macello Pistoia 

PREMESSE: Dalle varie realtà organizzate è arrivato in generale un apprezzamento per l’idea, sintomo di una necessità: quella di approfondire le relazioni e di ragionare collettivamente, provando perché no a costruire attraverso passaggi intermedi un qualcosa di più formale e di più duraturo nel tempo. Che cosa costruire, sarà il tempo a dirlo e la capacità collettiva di andare oltre le proprie aree di appartenenza. Da parte di molti, tuttavia, si è sottolineata la difficoltà storica di provare esperienze ricompositive, segno della consapevolezza comune che un percorso di questo genere può esistere solo a partire dal pieno rispetto delle singole realtà, delle loro appartenenze, delle loro pratiche. Il termine chiave sottolineato in molti interventi è “umiltà”. L’umiltà di provare ad abbandonare steccati divisori e di non imporre nulla se non il proprio odio per il Capitalismo e per lo stato di cose presenti. 
TEMI AFFRONTATI: Il ragionamento politico di fondo, condiviso in vari interventi, è partito da un’analisi della situazione italiana, all’interno dello scenario dell’Unione Europea e nello scacchiere imperialista internazionale, per approdare alle specificità della regione Toscana, vista come laboratorio di sperimentazione di politiche poi adottate dal governo centrale. Sulla questione Ue in particolare sono emerse due posizioni distinte: da una parte chi la vede come nemico centrale e cornice entro la quale avvengono le politiche di austerity; dall’altra chi non la nomina e, pur considerandola ovviamente parte del problema, la considera parte del contesto imperialista internazionale. Nei temi chiave come lavoro, casa, Istruzione, Sanità e diritto agli spazi, si è individuato nel Pd il principale nemico, e attualmente l’attuatore delle politiche di lacrime e sangue che ci aggrediscono. Ognuna delle realtà intervenute ha descritto le proprie lotte, auspicando una maggiore comunicazione fra realtà territorialmente così vicine, sia dal punto di vista pratico (reciproco sostegno in caso di bisogno), sia da quello teorico (maggiore condivisione di idee, di approfondimenti, di conoscenze e di pratiche), insistendo comunque sull’eterogeneità come valore e non come ostacolo. Un tema su tutti ha avuto una particolare centralità nei vari interventi, quello del referendum costituzionale. Molti degli intervenuti hanno sottolineato l’importanza di questo appuntamento: per alcuni non tanto per il tema in sé, quanto piuttosto perché visto come banco di prova dell’attuale governabilità e terreno proficuo in cui costruire un blocco sociale di opposizione; per altri anche il tema in sé è fondamentale perché potenziale causa di ulteriori e ben più pervasive limitazioni di libertà e di spazi di agibilità per noi. Un discorso a parte merita un altro dei temi emersi, l’Antifascismo. Su questo terreno molti degli intervenuti hanno trovato già in passato momenti collettivi di condivisione e rimane un ambito centrale. Tuttavia si è anche sottolineato il fatto che quello è un po’ un “sovra-tema” e che fermo restando il terreno dell’Antifascismo militante, l’Antifascismo politico lo si persegue nell’attività quotidiana nei terreni sociali e delle contraddizioni della società. Un tema che non è stato affrontato, ci auguriamo per semplice dimenticanza, è quello dell’immigrazione, e si auspica fin da subito di inserirlo in una prossima eventuale occasione. 
PROPOSTE EMERSE: Innanzitutto, come già detto in precedenza, la necessità di approfondire i rapporti: guardarsi in faccia, conoscersi, scambiarsi esperienze di lotte e di vita è vista come condizione imprescindibile anche solo per iniziare un percorso del genere. Più nel concreto le proposte sono state queste: – organizzare incontri seminariali e di reciproca conoscenza nelle città che hanno una particolare esperienza su un tema – realizzare un gruppo virtuale su fb (e una mailing list) di raccordo fra le varie realtà. Il gruppo e la mailing list sono già in creazione quindi chiediamo ad ogni realtà di lasciarci contatti fb o indirizzi mail. – individuare già nel terreno del referendum un primo banco di prova per approfondire un discorso comune – proporre una prossima assemblea più operativa per il mese prossimo, che sia primo appuntamento in cui verificare le possibilità di questo percorso. Come Casa Rossa proponiamo come data domenica 10 ottobre e come luogo Lucca o Firenze – come Casa Rossa ci proponiamo di realizzare una sorta di tour nelle varie città e presso le varie realtà intervenute (e non solo) per confrontarci meglio su quanto emerso
CONCLUSIONI: La controparte è forte, organizzata e dispone della forza della repressione, dell’arroganza dei governanti e della servitù dei fascisti. Tuttavia, nonostante i rapporti di forza davvero sfavorevoli, i compagni sono tanti, anche se spesso disgregati, qualche volta sfiduciati, molto spesso divisi. Le differenze, che nessuno ovviamente si sogna di appiattire, non sono così grandi da impedirci di essere dalla stessa parte della barricata. Partire da questo presupposto può essere il primo passo per iniziare un percorso comune

INCONTRO FRA REALTA’ ANTAGONISTE DELLA REGIONE TOSCANA

Quest’estate si conclude per tutte e tutti noi con una gran voglia di guardare avanti. Scuole e università riaprono, le ferie per molti sono finite, per molti altri mai iniziate.

Non è facile avere il coraggio di guardarsi indietro in questo 2016: l’escalation terroristica in Europa, fatta di speculazioni giornalistiche e stati di emergenza; l’aggressione imperialista ai popoli del medio-oriente; le migliaia di morti in mare e le persecuzioni sui migranti da parte di Stato e trafficanti d’uomini; la governanceeuropea e renziana che continua a mangiare pezzi di stato sociale fino a tentare l’arrembaggio al boccone più prelibato, la Costituzione.

Sembrerebbe che quest’anno non porti niente di buono. Tanto che alcuni di noi, fratelli, sorelle, amic* e compagn*, decidono di partire: chi migrando in altro paese per cercare un lavoro migliore, chi per dedicarsi generosamente alle calamità (umane) di Amatrice, di Ventimiglia, di Lampedusa o Lesbo.

Come Polveriera, come collettivo d’autogestione, guardiamo a questo nuovo autunno con interesse.
Decidiamo di ripartire dando ancor più forza all’autogestione del Chiostro, con iniziative di reale auto-recupero degli spazi, e rilanciando i vari progetti che dalla Polveriera sono nati o che comunque hanno attraversato i nostri spazi. Per questo vi invitiamo a dare un’occhiata al blog ed a passare lunedì alle 19.00 all’assemblea di gestione.
Ma questo comunicato ha lo scopo di condividere con chi ci segue quello che sarà secondo noi un primo importante appuntamento per il nuovo ciclo che si avvia con questo settembre.
Parteciperemo infatti – ed invitiamo chiunque sia interessato a contattarci per raggiungerla insieme – all’Assemblea Toscana lanciata dal C.S.O.A. Casa Rossa occupata a Massa, domenica 4 settembre: «In un contesto nazionale e internazionale drammatico, che vede uno stato di guerra permanente e di conseguente controllo repressivo, una diffusione capillare della povertà, una progressiva accentuazione delle differenze di classe e la scomparsa delle forme tradizionali di lotta politica, esistono delle specificità territoriali significative di cui tener conto. In particolare, noi viviamo sulla nostra pelle, in tutta la sua dirompenza, il modello toscano, con le sue contraddizioni in cui infilarsi, ma con la sua forza e pervasività a tutti i livelli».
Seppure condividendo le nostre preoccupazioni per la fase storica che stiamo attraversando, la Casa Rossa chiede a noi tutt* uno sforzo di ricomposizione dei movimenti sociali e delle lotte che «lungi dall’ipotizzare appiattimenti teorici o falsi tentativi di omogeneizzazione, riesca almeno a proporre delle mediazioni sui terreni comuni. La controparte è forte, organizzata e possiede armi che noi ci sogniamo (dai soldi, ai mezzi d’informazione, dalla polizia, ai governi). Noi possiamo contrapporre la generosità del nostro impegno e la radicalità di chi sta dalla parte della ragione, ma com’è ovvio questo non basta».
Cosa sarà necessario attivare lo decideremo insieme. Ma è evidente che individualmente e localmente non possiamo cambiare le cose, se contemporaneamente non stringiamo relazioni solidali, se non ci coordiniamo con chi come noi dedica il proprio tempo, la propria intelligenza e le proprie forze alla resistenza ed alla trasformazione della realtà, per un’alternativa che da qui ed ora, guardi al futuro senza paura.
qui l’appello per lanciare l’assemblea di domenica 4 settembre alle ore 16: https://fornoantifascista.wordpress.com/programma/dibattiti/
TUTT* A MASSA!