Tag Archives: featured

IN PRESIDIO SOTTO IL CONSIGLIO REGIONALE! PER L’IMMEDIATA RIAPERTURA DEL CHIOSTRO DELLA BADESSA! PER SPAZI VERDI PUBBLICI IN CENTRO!

La storia fino a qui è nota, ed è questa: 

Prima c’era: chiostro di Sant’Apollonia aperto, chiostro di Sant’Apollonia vissuto, chiostro di Sant’Apollonia spazio pubblico.

Poi la Regione Toscana è entrata in possesso del posto (che le è stato passato dal demanio) e ha fatto due cose: 1) piazzare un insensato cancello all’ingresso del chiostro pubblico e 2) promuovere (su nostro impulso, perché sennò col cazzo) ben due processi partecipati su San Lorenzo e Sant’Apollonia che nelle conclusioni hanno entrambi dato indicazione per una pronta riapertura del cortile.

Da allora nulla è successo tranne tante sollecitazioni da parte nostra e di molti altri, tante mail, tante richieste di incontro. A cui però nulla è stato risposto, solo silenzio.

Tutto come se i processi partecipati non ci fossero stati.

 

Per questo ieri, martedì 30 giugno, abbiamo fatto un presidio sotto la Regione Toscana, in via Cavour.

Ci siamo radunati davanti a Palazzo Panciatichi alle 13.30, perché alle 14 sarebbe iniziato il consiglio regionale. Eravamo in tanti a testimonianza delle molte attività sociali, culturali e sportive che si svolgono nel quartiere.

Ci siamo radunati ieri, in occasione del Consiglio regionale, perché in quella seduta sono state presentate dai consiglieri di opposizione Tommaso Fattori e Paolo Sarti una mozione e un’interrogazione su perché il chiostro della Badessa, cioè il chiostro del plesso di Sant’Apollonia, non è ancora stato riaperto. 

A questa interrogazione avrebbe dovuto rispondere Monica Barni (Assessora alla Cultura e vicepresidente), che tuttavia si è presentata in Consiglio solo dopo le 18.30 (e di poco si è quindi persa la nostra accoglienza), dando prova, o di aver avuto paura di un confronto diretto con tutte e tutti noi che l’avrebbe costretta ad un’assunzione di responsabilità, oppure che i 130 mila euro che annualmente spendiamo per il suo stipendio sono soldi decisamente mal spesi.

Ma lasciamo stare i dettagli e vediamo come la risposta che ha dato, scritta, all’interrogazione sul Chiostro della Badessa, contenga alcune cose strane, del tipo che la riapertura del chiostro è effettivamente uno degli obiettivi emersi dal processo partecipato e perciò la Regione darà indicazione al progettista incaricato della ristrutturazione, che prima o poi avverrà…

Ma qui davvero non si capisce perché un chiostro già perfettamente agibile non possa essere immediatamente riaperto, in attesa che i lavori nel plesso prendano avvio.

La risposta prosegue chiarendo il fatto che la Regione sia disponibile a valutare proposte che prevedano l’uso temporaneo per finalità di interesse pubblico del chiostro.

Bene, il quartiere di San Lorenzo ha bisogno di un  luogo dove ci si possa incontrare in sicurezza, di uno spazio per studiare all’aperto, per svolgere le attività di Sostegno Alimentare portate avanti da noi ed altre realtà di quartiere, di un angolo di prato in cui fare gli allenamenti della Palestra Popolare, di un posto per realizzare, certe sere, un cinema all’aperto. Tutto come sempre gratuito, aperto a tutti e tutte, nel segno della solidarietà.

Ieri abbiamo aperto il chiostro, a dimostrazione che non possiamo più aspettare.

Tutte e tutti insieme abbiamo ripulito il prato dai vetri, calpestato finalmente quell’erba ormai quasi secca, raccolto le susine mature degli alberi piantati qualche anno fa, abbiamo fatto assemblea, e tutt* insieme ci siamo allenat*.

E sì, su quel prato, fra quelle colonne, si sta benissimo!

Ora annunciamo alla Regione e soprattutto a chi ci legge che, a partire da questa settimana, apriremo il chiostro alla cittadinanza. Per ora saranno due giorni alla settimana, il martedì e il giovedì. E vi aspettiamo.

 

RIAPRIRE IL CHIOSTRO DELLA BADESSA SUBITO! -ABBIAMO BISOGNO DI SPAZI VERDI PUBBLICI E FRUIBILI IN CENTRO-

Come membri dei processi partecipativi riguardanti il Rione di San Lorenzo e il complesso di Sant’Apollonia, ed alla luce della pandemia Covid-19 che ha evidenziato ancor di più la necessità di spazi verdi fruibili ed attraversabili nel centro storico, abbiamo inviato questa mail alla Regione Toscana, nella figura dell’Assessora Monica Barni, rimarcando la necessità di dar seguito SUBITO ad uno dei punti di chiusura dei percorsi di collaborazione avviati: L’apertura del Chiostro della Badessa.

IL CHIOSTRO è UN BENE COMUNE, ED è DI TUTTE E TUTTI!

UNISCITI ALLA LOTTA!

INVIACI LA TUA SOTTOSCRIZIONE COMMENTANDO IL POST, O CON UNA MAIL A lapolveriera.spaziocomune@inventati.org

“Gentilissimi,

Sono passati ormai sei mesi dalla conclusione del processo partecipativo “Laboratorio Sant’Apollonia”, avvenuta il 20 Novembre 2019. Il percorso in questione ha messo chiaramente in luce la volontà di una gestione collettiva e partecipata degli spazi del plesso, in un rione come San Lorenzo in cui convivono la vecchia residenza “autoctona” e la “nuova popolazione” – ovvero le centinaia di studenti fuori sede, i giovani lavoratori, spesso precari, ed i tanti cittadini extracomunitari.

Questo percorso di confronto ha evidenziato, fra le altre cose, un’esigenza comune: l’apertura del cancello e la rinnovata fruibilità del Chiostro della Badessa, un punto, fra l’altro, già emerso in un altro processo partecipativo, “Laboratorio San Lorenzo”, che ha visto anch’esso coinvolte associazioni, studenti ed abitanti del quartiere.

Il chiostro dell’ex-convento di Sant’Apollonia, anche detto “della Badessa”, è uno dei chiostri più grandi a Firenze. Inserito in un contesto cittadino il cui centro storico è sempre più privo di spazi verdi accessibili e di punti di riferimento per gli abitanti, il chiostro diventa una necessità collettiva, ancor di più alla luce dell’emergenza causata dalla pandemia di Covid19.

Il percorso del Laboratorio Sant’Apollonia è avvenuto in parallelo a quello del Laboratorio San Lorenzo, promosso dal Coordinamento Sant’Orsola Project insieme al DIDA dell’Università di Firenze e all’Ordine degli Architetti di Firenze, che ha evidenziato attraverso una approfondita analisi del contesto, la grave carenza di spazi pubblici e le potenzialità costituite a questo scopo dai chiostri, come emerso con chiarezza dal processo partecipativo anche riguardo la riapertura del chiostro di Sant’Apollonia. Vorremmo anche sottolineare che la carenza di spazi pubblici potrebbe aggravarsi co la ulteriore occupazione di suolo che avverrebbe grazie all’allargamento dei dehors concesso alla categoria dei ristoratori per non perdere coperti nei locali con l’applicazione delle misure di distanziamento sociale.

Per noi abitanti del quartiere di San Lorenzo e dintorni infatti, il lockdown ha messo a dura prova il diritto alla salute ed all’attività fisica, e ha evidenziato ancor di più la necessità di spazi di ritrovo attraversabili ed all’aria aperta in cui ridisegnare nuove forme di

socialità responsabile. Inoltre, grazie all’iniziativa di Sostegno Alimentare, messa in campo dopo l’inizio della pandemia per rispondere alla crisi economico-sociale in atto, insieme all’associazione Anelli Mancanti, Fuori Binario, al sindacato COBAS e a decine di ragazzi e ragazze del quartiere, abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto con una componente importante della popolazione del centro, rinnovando e confermando le necessità riscontrate in termini di spazi di prossimità, di mancanza di verde accessibile alle famiglie, di spazi di gioco fruibili per i bambini e le bambine del quartiere e di iniziative di sport popolare.

In qualità di abitanti del quartiere ci siamo confrontati sulle possibili attività che l’accessibilità al chiostro consentirebbe di mettere in pratica fin da subito: corsi sportivi gratuiti di cardio-fitness e yoga per grandi e piccini, facilmente realizzabili in uno spazio aperto e verde rispettando le basilari norme igieniche vigenti; un’attività di sostegno allo studio e recupero scolastico con docenti volontari e giovani utenti del quartiere (ragazze e ragazzi incontrati nell’attività di Sostegno Alimentare) che, grazie al distanziamento dei banchi e a poche determinanti accortezze può essere svolto in totale sicurezza; un nuovo spazio di riferimento per la consegna dei pacchi dell’iniziativa “Sostegno Alimentare del Centro”, cominciata in piena emergenza con la piccola rete di solidarietà in precedenza descritta, che si trova in questo momento a doversi spostare dalla sede attuale; un piccolo calendario di attività culturali come la proiezione di film o la lettura di favole per bambini, all’aperto, con sedute distanziate e basilare punto triage d’ingresso. Si tratta di Iniziative contraddistinte da gratuità e fruibilità, oltre che dall’organizzazione collettiva e partecipata; attività di cui, in molti, sentono la mancanza in questo quartiere.

In un periodo così complesso, crediamo che siano una risposta importante alle necessità degli abitanti, ancor di più per chi si trova in difficoltà economica. L’accessibilità al Chiostro rappresenta, in questo frangente, la possibilità di fare tutto ciò, nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria vigenti.

Pertanto, nel quadro della ripresa di molte attività, chiediamo la riapertura immediata del Chiostro della Badessa a fruizione di tutte e tutti, nella speranza che anche l’Amministrazione Regionale sia disponibile, insieme a noi abitanti, ad assumersi la responsabilità di trovare una soluzione concreta e immediata alle necessità di salute del quartiere.”

LaPolveriera SpazioComune

Studenti di Sinistra

Santorsolaproject

Sostegno Alimentare del Centro

 

 

LA MAPPA DELLA SOLIDARIETà DI FIRENZE E DINTORNI

In una mappa online e interattiva, tutte le iniziative del territorio di solidarietà dal basso di Firenze e dintorni. Contattate i centralini dei vostri quartieri per aiutare o essere aiutati!

➡️Qui il link:
https://umap.openstreetmap.fr/…/map/sostegno-alimentare_442…

SOSTEGNO ALIMENTARE GRATUITO E SPESA SOLIDALE

👉San Lorenzo, Sant’Ambrogio, Ognissanti
LaPolveriera SpazioComuneAnelli Mancanti, Fuori Binario
11.00-18.00
Cecilia 3319216166
Francesca 3290463214

👉Rifredi, Quartiere 5
Potere al Popolo – FirenzeArci Circolo Le Panche – il Campino, Fuori Binario
11.00-13.00 e 15.00-19.00
Erika 3338013675
Sara 3703643362

👉San Frediano
Occupazione ViadelLeoneLaboratorio DiladdArno, Fuori Binario
11.00-18.00
Cosimo 3883620966
Flora 3201460231

👉Firenze Sud -Cure- Campo di Marte – Sorgane – Coverciano
CPA Firenze SudFòriMercato – rete sociale –
-Martina 338.0506701
-Davide 340 3255502
-David 331.3525487
-Marco 320.4266771

👉Minime, Q2
Angelaeciro Fondocomunistafirenze I’Rovo
Marinella 3391349875

👉Le Piagge
Comunità delle PiaggeCentro Sociale Il Pozzo
16.00-19.00
055373737

👉Prato, Quartiere Soccorso
SI Cobas Prato e Firenze
PUNTO DI RACCOLTA MARTEDÌ dalle 11.00 alle 16:00
via Ferrara n.30/c alla sede del #SiCobas
3408168471.

👉Campi Bisenzio
A.N.P.I. “Lanciotto Ballerini” – Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos – ARCI Città Visibili – Gruppo Casa Campi Bisenzio
da lunedì a venerdì, ore 16:00-19:00
Elia: 3713311785
Sandro: 3351246551

👉Distribuzione pasti caldi per Donne, Sex Workers, Trans
Non Una Di Meno Firenze Cat Cooperativa Sociale Arci Firenze Circolo ARCI fra i Lavoratori di Porta al Prato zenzero_biocatering Corrente Alternata – Sguardi precari sul genere e il lavoro
Distribuzione pasti caldi
Marghe 3314113727
Ale 3201658088
Alba 3280233504
Giada 3351787282,

SPESA SOLIDALE- COMMISSIONI

👉Novoli
Brigata di Solidarietà Popolare Novoli
353 405 9707

👉Rifredi
Rude Boyz Rifredi , Arci Circolo Le Panche – il Campino, Misericordia di Rifredi
lunedì/mercoledì/venerdì, ore 11:00-13:00
Sara: 338 8864567
Lorenzo: 333 4742339
Alessandra: 340 8727111

👉Rifredi
Occupazione Viale Corsica 81
Marta: 3386954380
Serena: 3311015038

👉Bagno a Ripoli – Grassina”
Mondeggi Bene Comune – Casa del Popolo di Grassina
Antonio: 3452129924
Iacopo: 3402878683
Alessio: 3477542690

➡️Qualcosa non va nella mappa? Ci siamo dimenticati qualche iniziativa? Scriveteci!
Fb: LaPolveriera SpazioComune
lapolverieraspaziocomune@inventati.org
La mappa è uno strumento di tutt* per tutt*.

COVID CLANDESTINO- Raccolta alimentare per migranti

Pape Diaw: 3391678289

Per le consegne fare riferimento:
Zona le Piagge Brozzi peretola quaracchi Centro Sociale il Pozzo piazza Hrovatin
info Messenger Valentina Riemma
Rifredi
info Messenger Occupazione viale Corsica
Novoli
Info Messanger Batik Guinea – Bissau
Isolotto
info Messenger Diaw Pap
Santa Croce
info Messenger associazione Mariano Ferreira o Toumani Mane
Campo di Marte
info Messenger Ndiaga Wade
Gavinana info Messenger Niccolo Lombardini
Signa info Messenger Milena Prestia
Bagno a Ripoli
Info Messanger Potere al Popolo
Info Messanger Mondeggi

 

Il Festival di Letteratura Sociale si scompone- NASCE “POYOUT-LETTERE CONTRARIE” (Ogni domenica dalle 15.30 su Radio Wombat)

Va bene, la situazione generale non è più chiara di prima e allora noi proviamo a chiarire: la salute nostra e del pianeta non dipende tanto dai comportamenti individuali quanto (e tanto) dal modello economico e produttivo che ci sovrasta. Finché non riusciremo a interrompere lo sfruttamento del pianeta e delle vite che vi brulicano sopra e a sostituirlo con modelli di gestione sostenibili e compatibili con la dignitosa e serena sopravvivenza di tutto e tutt*, il futuro umano-animale-minerale sarà un disastro non diverso (seppur maggiore) da quello che ci ha accompagnato fino alle soglie di questa pandemia-cartinatornasole.

Per questo motivo il festival è nato: per dare spazio e voce a tutte le esperienze che quotidianamente lottano per l’autodeterminazione e per prospettare un futuro migliore per chiunque, indicando le strade da percorrere e sostenendo le battaglie giuste da combattere. Insieme a noi, e insieme tutt* coloro che fanno della cultura un’arma contro l’ingiustizia e l’oppressione.

Perché cultura e arte, se svincolate dalla pura mercificazione, diventano uno strumento essenziale con cui contrastare le narrazioni tossiche che ci vengono imposte dai media-di-regime e dai politici-imprenditori, e il Festival di Letteratura Sociale non intende retrocedere dalla sfida posta da quest’assedio. Dovrà però trovare una strada alternativa per contrattaccare, per continuare a riconnettere, per mezzo della letteratura, esperienze di vita e di lotta ed ancora per sperimentare nuovi modi e mondi in contesti mutati.
E dunque:
Le date saranno cambiate, non certo annullate. Se sarà opportuno, il festival si svolgerà a giugno con le dovute accortezze. Se sarà più opportuno ancora, aprirà dopo l’estate. Vi faremo sapere presto.

Intanto – e non in alternativa – il Festival di Letteratura Sociale si scompone in un Maggio tutto letterario, sfruttando le frequenze radiofoniche di Radio Wombat (1359 AM oppure in streaming su https://wombat.noblogs.org), la radio autogestita fiorentina.

Ogni domenica alle ore 15,30 andrà in onda POIUYT – LETTERE CONTRARIE, un programma tutto dedicato alla letteratura, e più precisamente a quella letteratura portatrice di una cultura libera, solidale e critica della società capitalista in cui viviamo. Romanzi, saggi, poesie e riviste accomunate dalla convinzione che la cultura abbia un valore incommensurabile e debba essere condivisa e accessibile a tutt*.

Presto daremo maggiori informazioni.
Se volete partecipare, inviateci proposte e contributi e dichiarazioni d’amore, costruiamo oggi un nuovo futuro, insieme.

SOSTEGNO ALIMENTARE- San Lorenzo, Sant’Ambrogio, Ognissanti

In basso, traduzione in inglese, francese, spagnolo, arabo, albanese e bengalese.
—————————————————————————————-
La Polveriera SpazioComune si coordina con le realtà e gli abitanti del quartiere per il sostegno reciproco, per una società basata su mutualismo e comunitarismo, organizzando insieme il sostegno alimentare per coloro che ne hanno bisogno.
Se hai difficoltà ad uscire di casa o ti trovi in difficoltà economica non sentirti sola/o! 
Come abitanti del Quartiere ci stiamo organizzando per supportarci a vicenda e sostenere chi sta soffrendo di più questa crisi.
Ci mettiamo a disposizione per fare spesa e commissioni per coloro che hanno difficoltà a muoversi ed abbiamo attivato un sostegno alimentare gratuito tramite la consegna di generi alimentari di base, tutto garantendo stringenti misure igieniche.
Cecilia: 3319216166 h: 11.00-18.00
Francesca: 3290463214 h 11.00-18.00
Sostienici: serve l’aiuto di tutte e tutti. Contattaci al centralino per unirti alle consegne o per donare prodotti. 
Supportaci economicamente con una donazione:
IBAN: IT55R0359901899050188540404
Intestatario: PerUnAltraCittà
causale: “sostegno alimentare centro”
—————————————————————————————-
ENG: If you are struggling to get out of home to find essential food, or you need money support, don’t be ashamed, you’ re not alone
 We are available to do your grocery or errandsFree food support throught home delivery of basic food product. 
 
FR : Si vous avez des difficultés à quitter votre maison pour acheter des nourritoure ou si vous n’avez pas assez d’argent pour le faire.. N’aiez pas honte! Vous n’etes pas seul! On est disponibles pour les achat et les commissionsSouitien alimentare gratuit par livraison à domicilie. 
 
Es: Si tienes dificultad en salir de casa o tienes dificultades económicas…¡no te sientas solo/a! 
    Estamos disponibles para compras y mandadosAyuda alimentaria gratuita a través de entrega a domicilio.
    
إذا كنت لا تستطيع مغادرة منزلك أو إذا كان لديك مشاكل مالية ، فأنت لست وحدك.  يمكننا مساعدتك في توصيل البقالة ومتطلبات أخرى.  لقد قمنا بتفعيل شبكة دعم للتوصيل المجاني لمنزلك من الطعام الأساسي مع احترام التدابير الصحية. 
    
ALB: “Nëse nuk mund të dalësh nga shtëpia ose gjendesh në vështirësi ekonomike mos u ndje vetëm! Vihemi në dispozicion për të bërë pazare ose komisione të ndryshme dhe kemi aktivizuar një mbështetje ushqimore falas në shtëpi për lloje ushqimore bazë, në respekt të masave shëndetësore.”
BNG: আসসালামু আলাইকুম 
বিভিন্ন সংঘের সাথে একত্রিত হয়ে মুদি মাল সপিং শুরু করেছি।
* আপনি যদি বাসা থেকে বের হতে অসুবিধে হয়/ আর্থিক সমস্যার জন্য বের হন না?
নিজেকে একা ভাববেন না।
আমরা আপনার কষ্ট টা উপলব্ধি করতে পারি
আমরা বিনামূল্যে সাস্থসম্মত খাদ্য সরবরাহ করবো।
ধন্যবাদ
 

PALESTRA POPOLARE- ALLENAMENTI ONLINE, 2° APPUNTAMENTO (14 APRILE ORE 18.45)

Pensate sia impossibile fare sport popolare in quarantena? forse avete ragione, eppure la Palestra Popolare della Polveriera non vuole fermarsi! Anche se i nostri corpi non possono incontrarsi e non possiamo condividere lo spazio, vogliamo mantenere viva la nostra comunità, continuare a scambiarci idee sullo sport popolare e ripensare le attività sportive come mezzo per fare politica a partire dal corpo.

SECONDO INCONTRO di allenamento collettivo online aperto a tutte e tutti MARTEDì 14 Aprile, alle 18.45!
L’allenamento è diviso in tre parti: Riscaldamento articolare, a seguire cardio, potenziamento duro, stretching.

Ogni parte è guidata di volta in volta da una persona diversa, partecipa attivamente e proponiti anche tu, non esistono ruoli prestabiliti!

PARTECIPA!
Se sei interessato a partecipare scrivici a:
lapolveriera.spaziocomune@inventati.org
o alla pagina Facebook:
LaPolveriera SpazioComune

 

 

La Polveriera al tempo del colera (segui il Wombat!)

La Polveriera è chiusa ma non si ferma. Siamo collegati su RadioWombat!

Radio Wombat si riorganizza e allestisce un palinsesto speciale per affrontare insieme questi giorni. Ogni giorno alle 19 in diretta dalle tane dei wombat di tutta Firenze!
(e in replica il giorno dopo alle 7.30 e alle 12.30). E nel resto del giorno i contributi che ci state mandando dalle vostre di tane: informazione, interviste, letture, musica.. Quel che non possiamo fare fisicamente insieme, lo faremo in radio!

Per interagire col wombat durante le dirette: DirettaWombat
Lasciaci un messaggio vocale dalla quarantena sulla Messaggeria del Wombat


– – – – – – – –  >>  [ PALINSESTO SPECIALE DELLA SETTIMANA ]  <<  – – – – – – –


 

Contro la sorveglianza speciale a EDDI, con chi combatte

Pare che il mondo ci stia tremando sotto i piedi, che “nulla sarà come prima” e che qualcosa di diverso stia smuovendo gli equilibri della pace sociale imposta.
Eppure proprio mentre viviamo tutti rinchiusi e sorvegliati dentro questa gestione distopica dell’emergenza, lo stato tiene a stabilire chi sia il sorvegliato speciale, quello di cui si deve aver paura.
È Maria Edgarda Marcucci, la donna che ha combattuto contro le bande jihadiste e l’esercito turco, con Orso nelle ulivete di Afrin. Il messaggio è chiaro, dopo due decenni di biopolitica costruita interamente attorno al terrorismo islamista lo stato italiano prende posizione. Con al-Qaeda, contro chi la combatte.
Non è un fatto fra gli altri.
Mentre gli jihadisti di Idlib scappano dalla Libia all’Italia il pericolo per il tribunale di Torino è la giovane attivista che li ha combattuti.
Colpevole di niente ma privata delle libertà fondamentali soltanto per aver continuato a denunciare il ruolo italiano nell’armare lo stato turco, per aver manifestato per questo nonostante le minacce della “sezione per le misure di prevenzione”.
Proprio nei giorni in cui le politiche di Erdogan lasciano senza mascherine migliaia di operatori sanitari, in nord Italia arriva la condanna ad Eddi, a riprova di chi sia il pericolo e chi lotti per difendere i popoli dalle grinfie dei tiranni.

Questi giorni di emergenza saranno tornati comodi alle autorità per evitare contestazioni ma al contempo possono mostrare a tutte e tutti sulla propria pelle cosa significhi sorveglianza. Cosa significa non potersi muovere dalla residenza, non poter incontrare persone, dover continuamente rendere conto alle forze dell’ordine, essere costretti a rientrare a un’ora imposta.
Per chi combatte le giuste cause lo #staiacasa è una condanna sempre sospesa sulla testa. Quale è allora l’epidemia che propaga Eddi? La lotta per la libertà delle donne e di tutti i popoli, l’autodifesa dai terroristi e dai tiranni, ma anche le battaglie per l’ambiente, contro le grandi opere e per una vita degna.
Ebbene se lo stato voleva scegliere il suo paziente 0, è stato molto preciso ma anche molto esplicito. Ha messo nero su bianco cosa difende e di chi ha paura: ora sta alla responsabilità di tutti cambiare le cose.

Nella lotta e nella vita il tempo è importante. Hanno deciso la condanna il 17 marzo, mentre ci apprestavamo a ricordare Orso, mentre iniziava il Newroz, il giorno nuovo.
Un anno fa le fiamme della Terra che rinasce illuminavano l’ultima roccaforte di Daesh crollare portando il pensiero di tutti i martiri, i compagni, gli amici caduti per questo.
Oggi di nuovo una luce ritorna a cacciare il buio delle città invase e delle speranze perdute. È la luce di chi combatte, di chi resiste dentro le prigioni, di chi non accetta imposizioni. Una luce che ci chiede di portare avanti la lotta, di non rassegnarci nemmeno quando tutto sembra perduto.

A Eddi e tutti i prigionieri di questa guerra silenziosa va la nostra solidarietà e la promessa di resistenza.

Newroz pîroz be!

Berxwedan jiyane
La resistenza è vita

Eddi libera!