Tag Archives: autocostruzione

Laboratorio di auto-costruzione in bambù 17-18-19 novembre

Il collettivo Ark Kostruendo da anni affronta il tema della sostenibilità nel progetto di architettura.
I mezzi che crede i più idonei ad approcciare questa ricerca sono lo studio e la conoscenza dei materiali così detti “sostenibili” e la loro contestuale applicazione tecnica e sociale. In questa occasione si vuole trattare un materiale che negli ultimi anni è stato oggetto di diversi studi nell’ambito dei materiali strutturali e che noi stessi abbiamo sperimentato con diverse iniziative: il bambù.
Il nostro interesse per l’uso di questo materiale in campo architettonico è legato alle sue potenzialità in termini di sostenibilità ambientale e sociale e di prestazioni meccaniche.

Un bosco di bambù rappresenta una risorsa rinnovabile perché cresce molto rapidamente, senza la necessità di particolari trattamenti chimici e fisici; il suo apparato radicale è un importante freno al rischio di smottamento, frana e dilavamento del terreno e la sua superficie foliare è in grado di assorbire grandi quantità di biossido di carbonio dall’atmosfera e rilasciare ossigeno.
I suoi fusti, detti culmi, sono cavi e leggeri e presentano straordinarie proprietà di resistenza meccanica.
L’alta reperibilità, la facilità di lavorazione e di assemblaggio e i costi contenuti lo rendono un materiale adatto a sviluppare nuove soluzioni tecnologiche nella direzione di una concreta sensibilità ambientale e sociale.

Eppure non esiste una normativa italiana che regolamenti l’uso del bambù in edilizia, né una legge che promuova la pratica dell’auto-costruzione che si serve dei mezzi più facilmente reperibili sul territorio, negando così la possibilità di autodeterminare il proprio spazio.

Ark propone un laboratorio di auto-costruzione di una scala in bambù negli spazi della Polveriera, intervenendo a potenziare un processo di modifica e riqualificazione di un luogo autogestito.
Il laboratorio vuole essere un momento di auto-formazione che dia la possibilità di riflettere su queste tematiche, condividere saperi ed esperienze e tecniche costruttive riguardo questo materiale naturale che rappresenta un’alternativa reale e possibile. Un percorso che parte dalla raccolta del bambù, segue con lavorazione, per finire con l’assemblaggio e la costruzione.

La Polveriera spazio comune
Come collettivo di studenti universitari condividiamo la rivendicazione degli spazi pubblici che, sottratti alle logiche del mercato e del profitto, vengono aperti e restituiti a tutti, in forma di luoghi di aggregazione e di socialità. La Polveriera è un luogo di espressione e condivisione, un laboratorio continuo capace di costruire un discorso alternativo di organizzazione e uso dello spazio.

Questo luogo di elaborazione culturale si autodetermina nella forma spaziale attraverso l’azione diretta della collettività che lo vive e rappresenta, dunque, la possibilità di realizzare in senso pieno il concetto di auto-costruzione.
Ark si propone di mettere in comune conoscenze e prassi acquisite, al fine di estendere le possibilità presenti tramite un materiale gratuito, sostenibile e versatile.

Il bambù, come l’abitare informale, è attualmente vietato dalle leggi italiane che subiscono le pressioni delle lobby legate ai materiali da costruzione e gli effetti di una razionalità limitata che non riuscendo a leggere la complessità del reale preferisce cancellarla.

In questo momento storico in cui i suddetti processi rischiano di schiacciare l’intera società all’interno di una segregazione imposta noi preferiamo stimolare nuove possibilità e continuare la ricerca e la sperimentazione di nuovi modi di abitare proprio in quei luoghi che sfuggono alla griglia rigida del sistema.

Programma del laboratorio.
Incontro 1: raccolta del materiale dal bosco di bambù.
Domenica 28 ottobre dalle ore 10:00 alle ore 17:00

Andremo a raccogliere il materiale in un bambuseto e lo trasporteremo nella sede della Polveriera.
Sarà l’occasione per conoscere a fondo le proprietà di questo organismo e il modo in cui si può trarne in maniera sostenibile materiale di buona qualità a costi bassissimi.

Incontro 2 : Autoformazione.
10 novembre dalle ore 10:00 alle ore 17:00
Tecniche di lavorazione ed assemblaggio del materiale e costruzione di arredi in corda e bambù.

Incontro 3 : Costruzione di una scala in bambù, corda e acciaio.
17-18-19 novembre.
Questa fase prevede la costruzione di una scala che colleghi la sala concerti della Polveriera al ballatoio, creando contemporaneamente una quinta scenica e l’ampliamento degli spazi superiori. Questo momento prevede la realizzazione di un progetto già in parte disegnato collettivamente ma che potrà essere discusso e modificato da parte dei partecipanti che vorranno mettere a disposizione le proprie idee e conoscenze.

Per info e adesioni scrivi a collettivoark@gmail.com o passa a trovarci martedì dalle ore 19.00 in collettivo, chiostro ex chiesa, Santa Verdiana.
Tutti possono partecipare, senza limitazione alcuna. Ti aspettiamo!

Inchiostri Ribelli 1-4 Giugno 2017

programma 
GIOVEDì 1 GIUGNO
LaPolveriera SpazioComune
Dalle H14:
– Live Painting a cura di RibellArti
– Free Live painting su supporti di recupero
– DJ Set by Machine Funk
– Banchini di autoproduzioni, fumetti, riviste e pubblicazioni indipendenti
– h17:30 Presentazione di “Alice nel paese delle domandine” e “Alice, la guardia e l’asino bianco”- Racconti delle detenute di Sollicciano con una delle autrici Agnese Costagli e la curatrice M. Sarsini.
A seguire presentazione del corso di scrittura creativa a Sollicciano “Scrittura d’evasione”, con gli insegnanti Frosali e Pedron e la curatrice M. Sarsini e dibattito.
– h19:00 Spettacolo teatrale: Orazione intima di Gillo Conti Bernini
– h20:00 Aperitivo/Cena a prezzi popolari
– h20:30 Performance teatrale: “Lungo il corpo” a cura della compagnia Teatro Anatomico
– h21:00 Concerto: The Jackson Pollock + Re Cane e Suo Marito
VENERDì 2 GIUGNO
Occupazione ViadelLeone & Piazza Tasso – CSA Next Emerson
Dalle H14 in Piazza Tasso:
– Free Live painting su supporti di recupero
– DJ Set
– Banchini di autoproduzioni, fumetti, riviste e pubblicazioni
– Torneo di Calcetto
Dalle H14 in Via del Leone:
– TATTOO CONVENTION
– h15.30 Presentazione del fumetto “La piattaforma 21” con l’autore Mattia Pagliarulo
– h20:00 Aperitivo/Cena a prezzi popolari
– h21:00 Concerto Punk: Bullshit Idea + LVTN + xDELOREANx
Dalle 23 al CSA nEXt Emerson:
-h23:00 Al csa nEXt Emerson, Concerto New Wave: Il Giardino Violetto, Naotodate, f.p.
SABATO 3 GIUGNO
Occupazione Viale Corsica & CSA nEXt Emerson
Dalle H14 in Viale Corsica:
https://goo.gl/maps/NatYy2BThVz
– TATTOO CONVENTION
– Banchini di autoproduzioni, fumetti, riviste e pubblicazioni
– h14:30 WORKSHOP di Legatoria a cura di Stampax serigrafia
– h17:30 Presentazione del fumetto “Makhno – La Rivoluzione Russa In Ucraina” con i co-autori
Dalle H21 al CSA nEXt Emerson:
https://goo.gl/maps/NatYy2BThVz
– h21:30 Presentazione di “A/traverso” con l’autore Luca Chiurchiù
– h22:00 CONCERTO HIP-HOP
– Mortal Wombat Dj-Set
– Selezione vinilica [Hip Hop/Funky] e cerchio ballerino [Breakdance] by Exchange cypherz
Esa aka El Presidente
Ice One: set Elettro – Hip Hop – Break Beat
DOMENICA 4 GIUGNO
Occupazione Viale Corsica & Area Cani autogestita in fondo a Viale Corsica
Dalle H14 in Viale Corsica:
– TATTOO CONVENTION
– Banchini di autoproduzioni, fumetti, riviste e pubblicazioni
– h14:30 WORKSHOP “Game of Chaos” – workshop di fumetti, ovvero come creare una fanzine a fumetti in un pomeriggio a cura di TeLe Brucio
– h17:30 Presentazione del libro “I Signori della Cenere” con gli autori Tersite Rossi
Dalle H14 all’Area Cani:
– Live Painting dell’Area Cani a tema “La natura che si riprende la metropoli”
– Tornei di Basket
– Banchini di autoproduzioni, fumetti, riviste e pubblicazioni
– Live Painting a cura del collettivo Dans La Rue
– Asta benefit delle opere realizzate in Piazza Tasso il 2 Giugno
– h18:00 Concerto Hip Hop: Shili e Nobridge + Creep Giuliano + FI RIDERS + Santa Sangre

– h23:00 CHIUSURA FESTIVAL
https://inchiostriribelli.noblogs.org/

18 Settembre: Sant’Apollonia REopening + LaPolveriera REwired

SANT’APOLLONIA RE-OPENING

dalle 14 laboratorio di costruzioni con materiali di riuso e riciclo
alle 20 cena “fuori mercato” [per cenare bisogna segnarsi!]

Il laboratorio in programma è orizzontale ed autogestito.
Questo significa che le idee che verranno realizzate Domenica pomeriggio provengono tutte da una discussione e  progettazione collettiva, svolta orizzontalmente da chi partecipa quotidianamente alle attività della Polveriera o comunque da persone interessate al Chiostro. Secondo la pratica inclusiva che contraddistingue le nostre attività invitiamo tutt* a partecipare alla riappropriazione pubblica del Chiostro, che non significa per noi recinzione o privatizzazione del suo uso, ma al contrario dare a tutti la possibilità di renderlo più fruibile.
Cosa sarà in cantiere potrete scoprirlo partecipando all’assemblea del Lunedì. Se siete interessat* ed avete idee da proporre contattateci o passate a trovarci!

La cena fuori mercato sarà un momento di sperimentazione del progetto di Cucine Popolari che, insieme alla Fattoria senza padroni di Mondeggi, l’associazione Fòri Mercato, al Fondo Comunista, l’Ateneo Libertario, l’Occupazione di Via del Leone ed il Melograno, va nascendo in queste settimane.
Dai campi liberati dallo sfruttamento della terra e delle persone, fino alle tavole dei nostri spazi liberati dal mercato, vogliamo sperimentare un’altra economia possibile, fatta di scambi e non di profitto. Convinti che, senza denaro, mangiamo meglio!


POLVERIERA RE-WIRED
Machine Funk, l’unica jam session/laboratorio di musica elettronica a Firenze torna in Polveriera con MACHINE FUNK REWIRED. Una giornata dedicata alla musica elettronica e alla riappropriazione degli spazi comuni.



dalle ore 16 alle ore 23.30
Machine Funk, jam session di musica elettronica
Piky live video
Open freestyle mic

dalle ore 19 alle ore 22
Machine Funk all-stars dj set

dalle ore 22 alle ore 23
THX1138 live electronics and video
Machine Funk è un punto d’incontro per musicisti elettronici.
Spesso autoconfinati in studio o in camera da letto, i musicisti elettronici di Firenze non si incontrano, mentre emerge il bisogno di evolversi anche artisticamente all’interno di reti sociali. Machine Funk è un’occasione per suonare insieme, conoscersi, scambiare idee, collaborare senza limiti di genere o suono.
Piena attitudine “do it yourself”, e volontà di andare oltre agli automatismi performativi cristallizzati nei cliché dell’entertainment elettronico, accolgono chi si avvicina a Machine Funk.
Porta la tua macchina, drum machine, sequencer, computer o tablet, cavi audio e midi, qualche presa multipla (non guastano mai), noi ti forniremo mixer, impianto, clock, presa bene e calore umano.

POCHE REGOLE

1) AUTORGANIZZAZIONE
Porta la tua macchina, drum machine, synth, computer, tablet, ricordati di portare tutti i cavi necessari a connetterla, il mixer da studio che utilizziamo accetta ingressi jack grande mono, porta adattatori se usi cavi RCA. Quando arrivi, domanda, ascolta, cerca di capire il mood della jam.

2) CONTEGNO
Riduci la tua polifonia, se hai una drum machine e non sei il solo usa due voci al massimo, cerca di capire cosa serve alla jam, manca una linea di basso? fai quella. È inutile avere otto casse e quattro pad che suonano insieme. Il BPM della jam si alzerà progressivamente, ci sarà tempo per più generi.

3) COLLABORAZIONE
Non importi, fai provare la tua macchina agli altri e potrai provare le macchine altrui. Informa e sarai informato. Aiuta e sarai aiutato. La jam è una creatura debole e si regge sulle spalle dei musicisti, pasci la jam, non mungerla. Prova a fare un genere che non frequenti.


Per chi vuole partecipare noi saremo a montare in Polveriera dalle 15.30 circa, arrivate presto e dateci una mano. La jam si svolgerà su 6-7 ore e il BPM salirà progressivamente dai 70 ai 140 bpm circa. Vi aspettiamo.

Facebook group: machine funk