Archivi categoria: Comunicati

Una riflessione collettiva riguardo alle accuse di sessismo che ci hanno rivolto

Questo comunicato vuole essere una prima risposta a seguito delle gravi vicende che ci hanno visto coinvolt*, vicende che hanno avuto una risonanza cittadina e nazionale. Esce dopo due settimane dalla fine del Festival di Letteratura Sociale perché abbiamo sentito l’esigenza di un confronto profondo che rompesse le dinamiche da social network, ed è un documento scritto a più mani perché frutto di un’assemblea composita, caratteristica essenziale della Polveriera Spazio Comune.
 
La mattina del 27 maggio, data di apertura del 6° Festival della Letteratura Sociale organizzato negli spazi della Polveriera Spazio Comune, il collettivo NUDM Firenze pubblica un comunicato su Facebook in cui ci accusa di esserci rifiutat*  “di gestire un pesantissimo episodio di violenza machista avvenuto per mano di un così detto compagno della sua assemblea” e di voler nascondere sotto il tappeto, minimizzare o silenziare la vicenda. 
Il giorno stesso decidiamo così di annullare parte del programma e di indire un’assemblea aperta al fine di promuovere un dibattito pubblico il più inclusivo possibile. Il confronto con NUDM Firenze, e la Magnifica che si associa alle sue posizioni, è aspro e le accuse diventano ben più gravi di quelle scritte nel post. Per completare il quadro, nei giorni successivi riceviamo diverse rinunce da parte di espositrici, case editrici e relatrici; alcune affermano apertamente di essere state intimate a disdire la propria presenza.
Nonostante questo, lo spazio viene attraversato da molt* compagn*, realtà e individualità che vengono a portarci aiuto e solidarietà: ciò permette al festival di andare avanti, ospitando importanti momenti di discussione e approfondimento anche sul tema della violenza di genere.
 
All’origine dell’attacco c’è una vicenda che, per sommi capi, può essere così riassunta. Circa un anno fa una persona che a fasi alterne ha fatto parte dell‘assemblea Polveriera viene accusata dalla sua ex partner di aver tenuto, al di fuori dello spazio comune, comportamenti violenti. In un primo momento alcune individualità intervengono per allontanare la persona che ha agito violenza e per impedire che avvenga da lì in poi ogni tipo di contatto tra i due. Per qualche giorno ci sono rapporti diretti fra le persone loro vicine. Presto si palesa l’impossibilità di gestire una problematica che coinvolge dinamiche di movimento attraverso singoli, e viene così convocata un’assemblea tra varie realtà a livello cittadino, tra le quali NUDM Firenze e la Magnifica. Dopodiché, nonostante laccordo di rincontrarsi a settembre per continuare la discussione, non vengono rinnovati gli intenti.
 
Al di là dei vari passaggi, la nostra posizione è sempre stata questa: a partire dalla condanna senza sfumature della violenza, mettere in sicurezza chi la subisce e non limitarsi alle condanne senza appello per chi la agisce.
Proviamo ad approfondire… Crediamo che affrontare la questione di genere senza prendere in considerazione a monte la questione del ruolo significhi avere una visione parziale e miope dell’intero dibattito. Il ruolo del dominante, del prevaricatore, perfino del carnefice è, nel corso della Storia, giustamente e inconfutabilmente attribuibile alle individualità maschili (la costituzione stessa del concetto di patriarcato, la sua riproduzione e messa in atto societaria in qualsiasi luogo e momento). Così come è chiaro che le individualità femminili siano state relegate automaticamente nel ruolo della vittima, essendolo di fatto. Con questo presente però, la presa di coscienza e quindi lo sviluppo del dibattito stesso dovrebbe andare nella direzione del riconoscimento di quei meccanismi di natura patriarcale da noi tutt* più o meno introiettati allinterno della famiglia e della società e che dovremmo puntare a disinnescare attraverso lacquisizione di nuovi strumenti. Questi meccanismi hanno varia natura e forma, ma tutti fanno leva sul concetto di ruolo e del potere che da esso deriva. Se si nasce in un genere individuato come femminile e lo si accetta, allora si crescerà  assumendo dalla società una serie di stimoli che tenderanno a determinare il ruolo; stessa cosa per il maschile. Come sappiamo, chi non si riconosce poi in questo binarismo subirà su di sé una serie ancora più grande e violenta di imposizioni. 
Acquisire gli strumenti per liberarsi dal ruolo che la società più o meno direttamente ci impone è un lavoro difficile e continuo che dovrebbe mettere in discussione le fondamenta stesse del genere attribuito. Anche il non binario, la donna, o qualsiasi altra individualità lgbtq+ può assumere il ruolo del prevaricatore e non solo quello della vittima, perché nel farlo sta riproducendo nient’altro che un esercizio di potere insito in quei meccanismi introiettati e non ancora consapevolmente eliminati. Se si parte dallassunto che la donna o lindividualità lgbtq+ non possa esercitare nessun altro ruolo che quello della vittima e sia incapace per sua stessa natura di riprodurre invece ruolo di prevaricazione o dominanza (ruoli “maschili”), si limita enormemente la possibilità di riconoscere e scavalcare il problema alla base, cioè quello del ruolo e del potere. Non solo, ma si resta attaccati, paradossalmente, al concetto di genere in maniera estremamente patriarcale ed eteronormata.
Pare un concetto semplice ma la sua messa in discussione è fondamentale e nel farlo non si toglie NULLA alla realtà della condizione femminile delle lotte affrontate nei secoli, anzi se ne rafforza la sua natura intersezionale
Quindi bisogna affrontare la questione di genere assieme alla questione di ruolo utilizzando il concetto centrale del potere come chiave di lettura.
NUDM Firenze e la Magnifica negano la capacità di certe categorie di essere prevaricatric* o violent* se non per legittima difesa o per quella che chiamano violenza giustificata. Mettendo davanti la questione di genere e non di ruolo, e la sacralità inconfutabile e strumentalizzata del sorellaticredo, rendono  impossibile ogni altra forma di approccio alla questione, ricattando così chiunque ci provi con lo stigma del maschilista, di matrice patriarcale o addirittura di complice e occultatore di stupri. Questo anche se a farlo sono individualità attive nel dibattito e nella realtà della lotta transfemminista, ma che non assumendo le loro stesse pratiche non esercitano a parer loro un transfemminismo giusto o etichettabile come tale, e si arrogano il diritto di giudicare in maniera esterna e superficiale se i percorsi e le pratiche intraprese da altre individualità o realtà sono corrette o efficaci, basando le valutazioni su quelli che secondo loro dovrebbero essere criteri universali, nei tempi e nei modi che loro ritengono sufficienti.
Nel caso in questione, NUDM Firenze ha utilizzato e strumentalizzato il solo metro di misura dellincolumità della vittima che, se in un primo momento è sicuramente funzionale (e fondamentale), almeno in questo caso è divenuto nel tempo un parametro labile e arbitrario in mano a chi si voleva e vuole tuttora legittimare politicamente attraverso questa vicenda.
In questo modo non ha fatto che riprodurre le dinamiche di potere che dichiara di voler combattere.
Sulla base di questa sintesi, che noi riteniamo fondante, stiamo costruendo le nostre pratiche.
In quanto comunità e non tribunale, non ci sentiamo chiamate a giudicare o valutare ma ad intervenire per cercare di ricucire le ferite inferte al nostro tessuto sociale. Ne consegue che, sospendendo il giudizio, quella che si apre è la ricerca delle cause e di una via percorribile che possa risolvere il conflitto alla radice.
Ora, quando come spazio si è cercato di individuare alla radice le cause di un atto violento, abbiamo capito che non basta imputarle totalmente a un capro espiatorio liberandosi di ogni responsabilità, ed è per questo che abbiamo sentito il bisogno di confrontarci su due piani paralleli, che comprendono la critica a quanto agito dal singolo e l’autocritica di quanto fatto da noi stesse. Ovvio, non pensiamo di rappresentare l’intera realtà e conosciamo molto bene le strutture di oppressione violenta su cui si fondano i dispositivi che governano il mondo. Quello che sappiamo, però, è che la nostra comunità, autogovernata, è l’unica realtà su cui possiamo realmente agire.
Mantenere questo principio di autocritica non è semplicemente una questione etica ma anche un principio vitale nel senso stretto del termine. 
Un principio per il quale solo chi è in grado di raccogliere i feedback dall’esterno può ricercare nuovi equilibri, adattarsi e divenire altro da sé.
Ovvio che un’identità in mutamento non sia efficace nei meccanismi di brandizzazione ideologica, nella fidelizzazione sindacal-corporativa, nella narrazione bidimensionale e fulminea dei social media, ma a noi questo non interessa perché non ci siamo lanciate in una guerra di conquista, non abbiamo intenzioni egemoniche e soprattutto perché i meccanismi competitivi sono quanto di più lontano dai nostri principi.
Alla nostra comunità non servono i cori di una tifoseria o la visibilità passeggera. Servono compagne e compagni di cammino. Per questo la nostra identità è cangiante e fluida, per questo vogliamo mantenerla tale, perché rimanga transitabile, accogliente e plasmabile da tutt*.
Insomma, la nostra comunità non è una bandiera. Non basta sventolarla, bisogna viverla per comprenderne i processi in atto. Perciò scusateci se la nostra autonarrazione è carente.
Noi non siamo un museo. Siamo una comunità che si è fatta laboratorio di pratiche collettive, che produce cultura intesa come modi di vita, e dunque convivenza. 
Proprio per questa identità costitutiva siamo esposte all’errore e alla critica. Perché non si può imparare senza provare o provare senza sbagliare. Questo lo accettiamo da sempre, cercando di affinare i nostri strumenti con gli errori che disseminiamo.
Per questo abbiamo adottato un approccio inedito nei confronti di una tematica che nel tempo ha toccato tutti gli spazi e le cui manifestazioni finora non sono state in genere sanzionate né tantomeno discusse (se non negli ambienti contro-esclusivi del femminismo), anzi semmai ignorate in quanto spesso ritenute attinenti alla sfera privata. E’ andata in questa direzione la decisione di continuare ad approfondire questi temi dedicando un giorno alla settimana per incontrarci, leggere e ripubblicare testi, discuterne insieme e modificare, sulla base di ciò, le nostre stesse pratiche assembleari; come quella di avviare un percorso di confronto e dibattito assieme ad un’altra realtà del territorio, aperto comunque a tutt*, sempre sulle tematiche di sessismo e decostruzione del patriarcato. L’idea di fondo è quella di muoversi su due linee di percorso: una che fa capo ad una diffusa riflessione critica e autocritica per quanto riguarda la violenza di genere e le sue manifestazioni anche in (o a lato di) contesti antagonisti; l’altra che, coinvolgendo le persone interessate, prova ad innescare dei processi di crescita.
Ci è infatti chiaro che limitarsi alla condanna e a un’eventuale sanzione più o meno drastica, di per sé non interdice la riproduzione del fenomeno e ci appare un intervento, oggi come allora, del tutto inadeguato. Per non parlare dell’evidenza che si tratta di una prassi meramente repressiva e in quanto tale appartenente alla cultura politica di quel potere che si afferma di voler contrastare. 
Riteniamo che sia proprio questo il punto di rottura che ha portato al boicottaggio del festival.
Quell’azione va infatti in tutt’altra direzione, richiamando una cultura politica che è quella della riproduzione di una prassi che più tradizionalista e maschilista non si può, basata sull’ideologia identitaria e sullo schieramento di sigla, sui processi sommari e sugli autodafé, sull’utilizzo privilegiato di canali pseudo-comunicativi come quelli social, utili soltanto alla polarizzazione delle posizioni e alla loro semplificazione. A nostro parere, dalla pratica di NUDM Firenze e Magnifica emerge una concezione del ruolo e degli obiettivi di un’organizzazione politica che privilegia aspetti sindacal-corporativi e che si traduce nell’auto-conferimento della rappresentanza di una certa categoria sociale e dei suoi interessi. Con la paradossale conseguenza che diviene essenziale la competizione con coloro che nel panorama politico appaiono meno distanti in termini di valori e di finalità, proprio perché insistono sullo stesso “bacino d’utenza” politico-culturale, costituendo in tal modo i concorrenti più diretti. 
Si capisce, allora, perché si preferisca contestare il festival ospitato dalla Polveriera, mentre si siano ignorati i precedenti sforzi e proposte sul tema da parte di questa realtà. Così come si capisce perché si siano lasciati cadere gli inviti a costruire percorsi e modalità in grado di affrontare il problema delle violenze di genere, al di là delle mere condanne e dei semplici ostracismi.
Tuttavia, la vera ragione che ci porta a mettere in risalto quelli che si confermano i limiti patriarcali di un certo femminismo non risiede nella volontà di stabilire graduatorie di merito antagonista tra un “noi” e un “loro”. Semmai in quella di definire meglio la diversità di approccio al ruolo e all’intervento politico che marca le rispettive esperienze.
In quest’ottica, ribadiamo la traccia che Polveriera intende continuare a seguire in occasione di episodi di violenza (non solo) di genere. Traccia che trova la sua origine in numerosi passaggi nel corso degli anni, tra i quali dare spazio a collettivi ed esperienze transfemministe e alle loro iniziative tra cui proprio NUDM Firenze così come altre. 
A questo proposito, siamo favorevoli a un confronto tra le varie realtà, il cui obiettivo sia quello di far progredire il dibattito su questi temi e di sperimentare pratiche che superino le soluzioni semplificatrici della mera solidarietà da una parte e dello stigma sociale dall’altra.

“NEL FRATTEMPO… UN LIBRO!” IL FESTIVAL DI LETTERATURA SOCIALE ENTRA NELLE CARCERI DI PRATO E SOLLICCIANO CON LA FORZA DEI LIBRI.

“Evado entrando nella copertina di un libro. Ho aperto un libro ed ho chiuso fuori la prigione” scrive un ragazzo dal carcere di Sollicciano.

Come Polveriera Spazio Comune siamo orgogliose ed orgogliosi di aderire e portare al 6° Festival della Letteratura Sociale di Firenze l’iniziativa “Nel Frattempo… un libro!”, nata per creare un ponte fra donne e uomini oltre le mura detentive, ripopolando, con l’aiuto di tutte e tutti, le biblioteche delle carceri di Sollicciano e Prato.

Mai come con una pandemia globale ci sono esplose in faccia le condizioni aberranti delle carceri italiane, e mentre lottiamo contro di esse, verso una totale abbattimento dell’apparato repressivo e detentivo statale, vogliamo contribuire a portare dentro quelle mura finestre sul mondo, storie, saggi, riflessioni e racconti, che, lanciati come sanpietrini, aprano spiragli di libertà ed infinite connessioni.

L’iniziativa è stata promossa dal Polo Universitario Penitenziario (PUP) dell’Università di Firenze, l’Associazione di volontariato Penitenziario e l’Associazione Scioglilibro che hanno coinvolto una trentina di librerie; in questa occasione alcuni detenuti hanno scritto testi sulla lettura che giovanissim* disegnator* hanno illustrato.


Durante tutte le quattro giornate del festival raccoglieremo libri da inviare a detenuti e detenute; sarà possibile portare libri da casa e/o comprarli ai banchini del festival a prezzo agevolato per le biblioteche delle case circondariali.

-Le librerie che hanno aderito:
https://www.polopenitenziario.unifi.it/art-150-nel….

-Testi dei detenuti e immagini de* giovan* artist* sono in mostra
virtualmente:
https://www.behance.net/…/110133579/Nel-frattempo-un-libro
Con questi materiali sono state realizzate delle cartoline per chi partecipa con un dono di libri alla campagna.

“Oggi scelgo un libro. Vado in libreria e lo compro.
No, mi correggo, aspetto che qualcuno me lo spedisca, sperando che sappia leggere bene dentro di me…”

CONTRO MAFIA E SFRUTTAMENTO – 24/04 AL FIANCO DEI LAVORATORI TEXPRINT!

“SE 8 ORE VI SEMBRAN POCHE” 
(canzone di fine ‘800, per la giornata lavorativa di otto ore)
Prato, 2021
E’ dal 18 gennaio che prosegue lo sciopero alla Texprint, una delle fabbriche modello del settore tessile nel pratese. Grazie al coraggio di questi lavoratori, i riflettori si sono accesi sulle condizioni bestiali di sfruttamento in queste fabbriche. Sono costretti a lavorare 12 ore al giorno per sette giorni la settimana, senza alcun riposo, privi dei diritti elementari, sotto il continuo rischio di incidenti che causano vere e proprie mutilazioni. Il personale è gestito da un sistema caporalesco, che garantisce la moderna schiavitù nelle fabbriche della “fast fashion”, indotto fondamentale delle grandi marche della moda italiana.
Non è una storia ottocentesca, non è una realtà lontana, in un paese lontano, non è una situazione marginale, residuale della nostra economia. Queste sono le condizioni di vita di migliaia e migliaia di lavoratori e lavoratrici nel nostro paese. Questa realtà è parte integrante ed essenziale del sistema Italia e anche del sistema economico toscano: le industrie tessili, la logistica, il settore agro-alimentare, il food-delivery.
E le ultime inchieste giudiziarie sulla presenza in Toscana delle mafie (‘Ndrangheta, Camorra e Mafia cinese) stanno svelando quanto sia profondo l’intreccio tra criminalità organizzata, industria e istituzioni. La Toscana progressista si rivela un mito falso e logoro.
Il 24 aprile i lavoratori della Texprint hanno indetto una manifestazione pubblica a Prato per dare forza e slancio alla loro lotta. Chiedono il rispetto del contratto nazionale, otto ore di lavoro per cinque giorni la settimana. Chiedono ferie e malattie. Chiedono la fine del sistema di sfruttamento pratese. Una loro vittoria sarebbe un passo avanti per tutti e tutte, un esempio contagioso per altri lavoratori e altre lavoratrici nelle stesse condizioni e questo lo sa bene anche chi si arricchisce ogni giorno sulla loro pelle, avvelenando le nostre terre. Inoltre lo sa bene anche chi nelle istituzioni ha permesso in questi decenni che a Prato e nella piana la moderna “schiavitù” diventasse sistema. In questi mesi di sciopero la polizia è stata utilizzata, con cariche ripetute e violente contro i lavoratori (hanno rotto perfino una gamba ad un operaio), per garantire al padrone della Texprint, tra l’altro sotto inchiesta per mafia, la possibilità di continuare a fare i propri profitti.
La Polveriera scenderà in piazza a Prato sabato 24 aprile. Andare alla manifestazione in un comune diverso dal proprio è consentito, scegliere di farlo significa schierarsi in una battaglia basilare in un periodo di crisi sociale, economica e politica di portata storica.
Su uno striscione ai cancelli della fabbrica, questi lavoratori hanno scritto: “Mai più schiavi! Vogliamo una vita più bella!”
riecheggiando fatalmente così le parole di uno sciopero nell‘industria tessile americana più di un secolo fa: “Vogliamo il pane, ma anche le rose!”
Non voltare le spalle ai lavoratori della Texprint
Non delegare ad una sinistra inesistente
Otto ore per cinque giorni
Tutti e tutte a Prato, sabato 24 Aprile, ore 15.00
Insieme a Studenti di Sinistra ci troveremo alla stazione di Rifredi alle 14.10 per prendere il treno delle 14.16 ed andare tutt* insieme in piazza!
 
LINK EVENTO SI COBAS:

PRESIDIO CONTRO LA SORVEGLIANZA SPECIALE 14/04/21, ore 9.30, Tribunale di Firenze

Condividiamo e rilanciamo il comunicato delle compagne e compagni dell’Occupazione di Viale Corsica 81.
Come ulteriore giro di vite per i fatti del 30 ottobre in cui migliaia di persone si rivoltarono a Firenze contro il governo, il comune e la polizia, eccoci recapitata l’ennesima lettera verde dal tribunale: non si tratta di una denuncia, ma dell’invito per una nostra compagna a presentarsi in tribunale il giorno 14 Aprile 2021 per presenziare all’udienza in cui verrà decisa o meno l’applicazione della sorveglianza speciale contro di lei. Che significato dare a questa nuova mossa del questore?
Innanzitutto dobbiamo rilevare come la repressione sia tanto mutabile nei mezzi quanto poco lo è nei fini. Neanche un mese è passato dalla definitiva caduta del reato di associazione a delinquere spillato ormai più di dieci anni fa all’interno dell’operazione “400 colpi”, ed ecco ora, dopo i dubbi successi raggiunti con la pioggia di fogli di via staccati negli ultimi anni dalla questura, l’arrivo del Daspo anche per chi allo stadio non ha mai messo piede e, amarum in fundo, questa richiesta di sorveglianza speciale. Perché associare tra loro strategie e misure tanto diverse in questo scritto? Perché è fondamentale che queste si riconoscano per ciò che sono: operazioni di repressione politica. Per uno stato che dice di averla fatta finita con il fascismo è essenziale che, almeno in teoria, ad esser puniti siano i reati e non le idee. Ma come togliere allora i compagni dalle strade di fronte a una magistratura che per quanto sia classista non può non applicare il codice penale? Come togliere di mezzo persone e percorsi di auto organizzazione se gli stessi giudici nella maggioranza dei casi sono in imbarazzo di fronte alle richieste di carcerazione in relazione ai reati contestati? Come assicurarsi quella tanto agognata pace sociale se anche le misure cautelari preventive svaniscono in pochi mesi proprio in virtù della moderata gravità dei reati in relazione alle leggi attuali? Ecco quindi spiegato il ricorso a questi mezzi di repressione politica, di cui da sempre lo stato italiano si serve, ma che di volta in volta possono tornare più o meno utili. Tanti piccoli reati non ti aprono così spesso le porte di Sollicciano, ma se ci inventiamo una associazione a delinquere la musica cambia. Teoria troppo fantasiosa anche per la magistratura? Allora la scavalchiamo con misure di polizia: fogli di via e Daspo, che non necessitano dell’approvazione del giudice, ma vengono emessi direttamente dal prefetto. C’è chi ancora si ostina a non voler piegare la testa? Ecco qua la sorveglianza speciale.
UNA SORVEGLIANZA (E UNA PUNIZIONE) DAVVERO SPECIALE.
Un capolavoro del legislatore democratico. Ben oltre: “l’innocente fino a prova contraria”, ben oltre le misure cautelari preventive in attesa che il processo si sgonfi, si arriva al “colpevole dei reati che potresti commettere”. Sì, perché contrariamente a quanto potremmo essere portati a pensare, avere la sorveglianza speciale non significa ricevere un’attenzione particolare da parte delle forze dell’ordine, che quella la subiamo già da sempre, significa veder materialmente distrutta la propria libertà. Del tutto arbitrariamente potremmo quindi avere per un tempo che va da uno a cinque anni l’obbligo di rientro notturno, il divieto di lasciare la provincia di residenza, di incontrare pregiudicati o persone sottoposte a misure cautelari, di partecipare a riunioni o assemblee di qualsiasi tipo e, per tutta la durata della sorveglianza speciale, possono essere sospesi passaporto e addirittura patente. Per anni dunque devi star lontano dai tuoi compagni, dai tuoi affetti, rinunciare a viaggiare o anche solo a lasciare la tua provincia, rinunciare a far politica, rinunciare ad uscire la sera… La pena per chi infrange queste regole può essere anche il carcere immediato. Tutto ciò, lo ripetiamo, non in connessione ad un particolare reato per cui viene prevista questa punizione, ma in relazione a chi sei, a cosa fai nella vita e quali reati potresti commettere in futuro. Proposta da Digos e questore, l’applicazione di questa misura passerà alle mani di un giudice che valuterà quindi se la persona che ha davanti merita l’appellativo di “minaccia della difesa sociale”. Il tutto in un perverso gioco di rimandi incrociati in cui la polizia dice che son anni che ci colpisce e quindi è giusto colpirci ancora di più, sennò avrebbero già smesso anche loro, che son tanto bravi, e difendersi è estremamente complicato… dal momento che non c’è nessun episodio criminoso di cui si viene accusati e quindi in sostanza… non c’è niente da cui difendersi! È così dunque che una compagna neanche pregiudicata rischia di veder cambiare la propria vita e chiunque abbia sofferto in questo anno delle limitazioni che ci sono state imposte per il Covid19 ed ora invoca l’estate nella speranza di poter tirare un sospiro di sollievo può capire quanto sia grave veder limitata radicalmente la propria libertà per un periodo tanto lungo.
PERICOLOSI PER CHI?
Pur in assenza di qualsivoglia condanna, sappiamo bene cosa finirà sul tavolo del giudice: il coraggio e la voglia di cambiare questo mondo. L’occupazione di uno spazio per giovani rapidamente divenuto un museo di arte urbana in Via Toselli prima, e a “La Crepa” poi, il sedersi davanti alle ruspe insieme agli abitanti di tutto Viale Corsica per evitare il taglio degli ippocastani, l’aver partecipato a un presidio non autorizzato di Fridays for future, l’aver contestato Nardella il giorno della Liberazione, l’aver partecipato al presidio contro lo sgombero delle famiglie in Via Carissimi, l’aver occupato una Casa delle donne in piena pandemia per offrire rifugio e assistenza a chi più sta subendo questa forzata reclusione e infine l’aver partecipato alla notte del 30 ottobre.. Questi i reati che le vengono contestati e che potrebbero meritargli questa pesante medaglia di pericolosità sociale. Ma pericolosi per chi? Esiste un solo sfruttato sulla faccia della terra che potrebbe sentirsi minacciato da tale (presunto) curriculum? A tutti noi la facile sentenza. Complici e solidali con la nostra compagna invitiamo tutti a far propria questa campagna contro la sorveglianza speciale, al suo fianco e al fianco di tutti coloro che in Italia hanno subito questa infame misura e coloro, come Eddi di Torino a cui è stata notificata di ritorno dal Rojava, che hanno deciso di di non sottostarvi e di rifiutarla pubblicamente. Perché organizzare una difesa collettiva vuol dire organizzare la difesa stessa del movimento.
Invitiamo tutti a tutte il 14 Aprile 2021 dalle ore 9:30 al presidio che si terra’ di fronte al tribunale di Firenze in viale Guidoni contro questa infame misura di repressione politica

COMUNICATO PALESTRA POPOLARE POLVERIERA

Siamo persone, non macchine di produzione del profitto!

Le decisioni prese nel corso degli ultimi mesi per contrastare la diffusione della Pandemia hanno dimostrato di basarsi su una scala di valori che, ancora una volta, mette il profitto e l’economia di scala davanti all’individuo.

A prova di ciò le grandi aziende hanno continuato a svolgere la loro funzione, supportate ed accompagnate dalle istituzioni nel loro adattamento alle contingenze.

Le realtà più piccole, dalle piccole attività commerciali alla maggior parte delle attività della sfera privata, hanno visto la propria quotidianità stritolata da un susseguirsi di aridi decreti, dettati da una visione sterile e semplicistica delle vite di ognuno di noi.

In nome della protezione sanitaria è stato messo da parte qualsiasi elemento dei nostri corpi e delle nostre menti che non fosse volto alla salvaguardia dell’economia nazionale.

Tutt’ora, nel mezzo di una crisi che colpisce l’economia solo in conseguenza della delicata natura dei nostri corpi, dimentichiamo che è proprio il nostro corpo l’unico mezzo di difesa dalle minaccie del sistema.

Come palestra popolare, crediamo che dare a tutt* la possibilità di comprendere e superare i propri limiti fisici sia un messaggio politico fondamentale in un mondo in cui i nostri corpi sono considerati inutili (se non inesistenti) quando non si rendono funzionali alla creazione del profitto.

Abbiamo quindi deciso di esprimere la nostra posizione attraverso il nostro corpo, mantenendo le attività sportive all’interno del nostro spazio, guidati però dal rispetto reciproco.

Per natura, siamo contro la privatizzazione degli spazi pertanto le nostre porte rimarranno aperte.

Chiediamo però ad ogni persona che farà uso dello spazio di riflettere sugli effetti del proprio corpo nell’ambiente in cui si situa, di riacquistare il controllo del proprio corpo rispetto alle imposizioni esterne pur mantenendo il più alto livello di rispetto ed attenzione per la propria salute e per quella del prossimo.

Chiediamo a tutt* quell* che vorranno fare attività fisica negli spazi della PPP di partecipare all’assemblea settimanale prima di presentarsi agli allenamenti, così da comprendere i limiti che ci vediamo costretti a imporre.

Be Strong, Be Free.

PPP

IN PRESIDIO SOTTO IL CONSIGLIO REGIONALE! PER L’IMMEDIATA RIAPERTURA DEL CHIOSTRO DELLA BADESSA! PER SPAZI VERDI PUBBLICI IN CENTRO!

La storia fino a qui è nota, ed è questa: 

Prima c’era: chiostro di Sant’Apollonia aperto, chiostro di Sant’Apollonia vissuto, chiostro di Sant’Apollonia spazio pubblico.

Poi la Regione Toscana è entrata in possesso del posto (che le è stato passato dal demanio) e ha fatto due cose: 1) piazzare un insensato cancello all’ingresso del chiostro pubblico e 2) promuovere (su nostro impulso, perché sennò col cazzo) ben due processi partecipati su San Lorenzo e Sant’Apollonia che nelle conclusioni hanno entrambi dato indicazione per una pronta riapertura del cortile.

Da allora nulla è successo tranne tante sollecitazioni da parte nostra e di molti altri, tante mail, tante richieste di incontro. A cui però nulla è stato risposto, solo silenzio.

Tutto come se i processi partecipati non ci fossero stati.

 

Per questo ieri, martedì 30 giugno, abbiamo fatto un presidio sotto la Regione Toscana, in via Cavour.

Ci siamo radunati davanti a Palazzo Panciatichi alle 13.30, perché alle 14 sarebbe iniziato il consiglio regionale. Eravamo in tanti a testimonianza delle molte attività sociali, culturali e sportive che si svolgono nel quartiere.

Ci siamo radunati ieri, in occasione del Consiglio regionale, perché in quella seduta sono state presentate dai consiglieri di opposizione Tommaso Fattori e Paolo Sarti una mozione e un’interrogazione su perché il chiostro della Badessa, cioè il chiostro del plesso di Sant’Apollonia, non è ancora stato riaperto. 

A questa interrogazione avrebbe dovuto rispondere Monica Barni (Assessora alla Cultura e vicepresidente), che tuttavia si è presentata in Consiglio solo dopo le 18.30 (e di poco si è quindi persa la nostra accoglienza), dando prova, o di aver avuto paura di un confronto diretto con tutte e tutti noi che l’avrebbe costretta ad un’assunzione di responsabilità, oppure che i 130 mila euro che annualmente spendiamo per il suo stipendio sono soldi decisamente mal spesi.

Ma lasciamo stare i dettagli e vediamo come la risposta che ha dato, scritta, all’interrogazione sul Chiostro della Badessa, contenga alcune cose strane, del tipo che la riapertura del chiostro è effettivamente uno degli obiettivi emersi dal processo partecipato e perciò la Regione darà indicazione al progettista incaricato della ristrutturazione, che prima o poi avverrà…

Ma qui davvero non si capisce perché un chiostro già perfettamente agibile non possa essere immediatamente riaperto, in attesa che i lavori nel plesso prendano avvio.

La risposta prosegue chiarendo il fatto che la Regione sia disponibile a valutare proposte che prevedano l’uso temporaneo per finalità di interesse pubblico del chiostro.

Bene, il quartiere di San Lorenzo ha bisogno di un  luogo dove ci si possa incontrare in sicurezza, di uno spazio per studiare all’aperto, per svolgere le attività di Sostegno Alimentare portate avanti da noi ed altre realtà di quartiere, di un angolo di prato in cui fare gli allenamenti della Palestra Popolare, di un posto per realizzare, certe sere, un cinema all’aperto. Tutto come sempre gratuito, aperto a tutti e tutte, nel segno della solidarietà.

Ieri abbiamo aperto il chiostro, a dimostrazione che non possiamo più aspettare.

Tutte e tutti insieme abbiamo ripulito il prato dai vetri, calpestato finalmente quell’erba ormai quasi secca, raccolto le susine mature degli alberi piantati qualche anno fa, abbiamo fatto assemblea, e tutt* insieme ci siamo allenat*.

E sì, su quel prato, fra quelle colonne, si sta benissimo!

Ora annunciamo alla Regione e soprattutto a chi ci legge che, a partire da questa settimana, apriremo il chiostro alla cittadinanza. Per ora saranno due giorni alla settimana, il martedì e il giovedì. E vi aspettiamo.

 

RIAPRIRE IL CHIOSTRO DELLA BADESSA SUBITO! -ABBIAMO BISOGNO DI SPAZI VERDI PUBBLICI E FRUIBILI IN CENTRO-

Come membri dei processi partecipativi riguardanti il Rione di San Lorenzo e il complesso di Sant’Apollonia, ed alla luce della pandemia Covid-19 che ha evidenziato ancor di più la necessità di spazi verdi fruibili ed attraversabili nel centro storico, abbiamo inviato questa mail alla Regione Toscana, nella figura dell’Assessora Monica Barni, rimarcando la necessità di dar seguito SUBITO ad uno dei punti di chiusura dei percorsi di collaborazione avviati: L’apertura del Chiostro della Badessa.

IL CHIOSTRO è UN BENE COMUNE, ED è DI TUTTE E TUTTI!

UNISCITI ALLA LOTTA!

INVIACI LA TUA SOTTOSCRIZIONE COMMENTANDO IL POST, O CON UNA MAIL A lapolveriera.spaziocomune@inventati.org

“Gentilissimi,

Sono passati ormai sei mesi dalla conclusione del processo partecipativo “Laboratorio Sant’Apollonia”, avvenuta il 20 Novembre 2019. Il percorso in questione ha messo chiaramente in luce la volontà di una gestione collettiva e partecipata degli spazi del plesso, in un rione come San Lorenzo in cui convivono la vecchia residenza “autoctona” e la “nuova popolazione” – ovvero le centinaia di studenti fuori sede, i giovani lavoratori, spesso precari, ed i tanti cittadini extracomunitari.

Questo percorso di confronto ha evidenziato, fra le altre cose, un’esigenza comune: l’apertura del cancello e la rinnovata fruibilità del Chiostro della Badessa, un punto, fra l’altro, già emerso in un altro processo partecipativo, “Laboratorio San Lorenzo”, che ha visto anch’esso coinvolte associazioni, studenti ed abitanti del quartiere.

Il chiostro dell’ex-convento di Sant’Apollonia, anche detto “della Badessa”, è uno dei chiostri più grandi a Firenze. Inserito in un contesto cittadino il cui centro storico è sempre più privo di spazi verdi accessibili e di punti di riferimento per gli abitanti, il chiostro diventa una necessità collettiva, ancor di più alla luce dell’emergenza causata dalla pandemia di Covid19.

Il percorso del Laboratorio Sant’Apollonia è avvenuto in parallelo a quello del Laboratorio San Lorenzo, promosso dal Coordinamento Sant’Orsola Project insieme al DIDA dell’Università di Firenze e all’Ordine degli Architetti di Firenze, che ha evidenziato attraverso una approfondita analisi del contesto, la grave carenza di spazi pubblici e le potenzialità costituite a questo scopo dai chiostri, come emerso con chiarezza dal processo partecipativo anche riguardo la riapertura del chiostro di Sant’Apollonia. Vorremmo anche sottolineare che la carenza di spazi pubblici potrebbe aggravarsi co la ulteriore occupazione di suolo che avverrebbe grazie all’allargamento dei dehors concesso alla categoria dei ristoratori per non perdere coperti nei locali con l’applicazione delle misure di distanziamento sociale.

Per noi abitanti del quartiere di San Lorenzo e dintorni infatti, il lockdown ha messo a dura prova il diritto alla salute ed all’attività fisica, e ha evidenziato ancor di più la necessità di spazi di ritrovo attraversabili ed all’aria aperta in cui ridisegnare nuove forme di

socialità responsabile. Inoltre, grazie all’iniziativa di Sostegno Alimentare, messa in campo dopo l’inizio della pandemia per rispondere alla crisi economico-sociale in atto, insieme all’associazione Anelli Mancanti, Fuori Binario, al sindacato COBAS e a decine di ragazzi e ragazze del quartiere, abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto con una componente importante della popolazione del centro, rinnovando e confermando le necessità riscontrate in termini di spazi di prossimità, di mancanza di verde accessibile alle famiglie, di spazi di gioco fruibili per i bambini e le bambine del quartiere e di iniziative di sport popolare.

In qualità di abitanti del quartiere ci siamo confrontati sulle possibili attività che l’accessibilità al chiostro consentirebbe di mettere in pratica fin da subito: corsi sportivi gratuiti di cardio-fitness e yoga per grandi e piccini, facilmente realizzabili in uno spazio aperto e verde rispettando le basilari norme igieniche vigenti; un’attività di sostegno allo studio e recupero scolastico con docenti volontari e giovani utenti del quartiere (ragazze e ragazzi incontrati nell’attività di Sostegno Alimentare) che, grazie al distanziamento dei banchi e a poche determinanti accortezze può essere svolto in totale sicurezza; un nuovo spazio di riferimento per la consegna dei pacchi dell’iniziativa “Sostegno Alimentare del Centro”, cominciata in piena emergenza con la piccola rete di solidarietà in precedenza descritta, che si trova in questo momento a doversi spostare dalla sede attuale; un piccolo calendario di attività culturali come la proiezione di film o la lettura di favole per bambini, all’aperto, con sedute distanziate e basilare punto triage d’ingresso. Si tratta di Iniziative contraddistinte da gratuità e fruibilità, oltre che dall’organizzazione collettiva e partecipata; attività di cui, in molti, sentono la mancanza in questo quartiere.

In un periodo così complesso, crediamo che siano una risposta importante alle necessità degli abitanti, ancor di più per chi si trova in difficoltà economica. L’accessibilità al Chiostro rappresenta, in questo frangente, la possibilità di fare tutto ciò, nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria vigenti.

Pertanto, nel quadro della ripresa di molte attività, chiediamo la riapertura immediata del Chiostro della Badessa a fruizione di tutte e tutti, nella speranza che anche l’Amministrazione Regionale sia disponibile, insieme a noi abitanti, ad assumersi la responsabilità di trovare una soluzione concreta e immediata alle necessità di salute del quartiere.”

LaPolveriera SpazioComune

Studenti di Sinistra

Santorsolaproject

Sostegno Alimentare del Centro

 

 

LA MAPPA DELLA SOLIDARIETà DI FIRENZE E DINTORNI

In una mappa online e interattiva, tutte le iniziative del territorio di solidarietà dal basso di Firenze e dintorni. Contattate i centralini dei vostri quartieri per aiutare o essere aiutati!

➡️Qui il link:
https://umap.openstreetmap.fr/…/map/sostegno-alimentare_442…

SOSTEGNO ALIMENTARE GRATUITO E SPESA SOLIDALE

????San Lorenzo, Sant’Ambrogio, Ognissanti
LaPolveriera SpazioComuneAnelli Mancanti, Fuori Binario
11.00-18.00
Cecilia 3319216166
Francesca 3290463214

????Rifredi, Quartiere 5
Potere al Popolo – FirenzeArci Circolo Le Panche – il Campino, Fuori Binario
11.00-13.00 e 15.00-19.00
Erika 3338013675
Sara 3703643362

????San Frediano
Occupazione ViadelLeoneLaboratorio DiladdArno, Fuori Binario
11.00-18.00
Cosimo 3883620966
Flora 3201460231

????Firenze Sud -Cure- Campo di Marte – Sorgane – Coverciano
CPA Firenze SudFòriMercato – rete sociale –
-Martina 338.0506701
-Davide 340 3255502
-David 331.3525487
-Marco 320.4266771

????Minime, Q2
Angelaeciro Fondocomunistafirenze I’Rovo
Marinella 3391349875

????Le Piagge
Comunità delle PiaggeCentro Sociale Il Pozzo
16.00-19.00
055373737

????Prato, Quartiere Soccorso
SI Cobas Prato e Firenze
PUNTO DI RACCOLTA MARTEDÌ dalle 11.00 alle 16:00
via Ferrara n.30/c alla sede del #SiCobas
3408168471.

????Campi Bisenzio
A.N.P.I. “Lanciotto Ballerini” – Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos – ARCI Città Visibili – Gruppo Casa Campi Bisenzio
da lunedì a venerdì, ore 16:00-19:00
Elia: 3713311785
Sandro: 3351246551

????Distribuzione pasti caldi per Donne, Sex Workers, Trans
Non Una Di Meno Firenze Cat Cooperativa Sociale Arci Firenze Circolo ARCI fra i Lavoratori di Porta al Prato zenzero_biocatering Corrente Alternata – Sguardi precari sul genere e il lavoro
Distribuzione pasti caldi
Marghe 3314113727
Ale 3201658088
Alba 3280233504
Giada 3351787282,

SPESA SOLIDALE- COMMISSIONI

????Novoli
Brigata di Solidarietà Popolare Novoli
353 405 9707

????Rifredi
Rude Boyz Rifredi , Arci Circolo Le Panche – il Campino, Misericordia di Rifredi
lunedì/mercoledì/venerdì, ore 11:00-13:00
Sara: 338 8864567
Lorenzo: 333 4742339
Alessandra: 340 8727111

????Rifredi
Occupazione Viale Corsica 81
Marta: 3386954380
Serena: 3311015038

????Bagno a Ripoli – Grassina”
Mondeggi Bene Comune – Casa del Popolo di Grassina
Antonio: 3452129924
Iacopo: 3402878683
Alessio: 3477542690

➡️Qualcosa non va nella mappa? Ci siamo dimenticati qualche iniziativa? Scriveteci!
Fb: LaPolveriera SpazioComune
lapolverieraspaziocomune@inventati.org
La mappa è uno strumento di tutt* per tutt*.

COVID CLANDESTINO- Raccolta alimentare per migranti

Pape Diaw: 3391678289

Per le consegne fare riferimento:
Zona le Piagge Brozzi peretola quaracchi Centro Sociale il Pozzo piazza Hrovatin
info Messenger Valentina Riemma
Rifredi
info Messenger Occupazione viale Corsica
Novoli
Info Messanger Batik Guinea – Bissau
Isolotto
info Messenger Diaw Pap
Santa Croce
info Messenger associazione Mariano Ferreira o Toumani Mane
Campo di Marte
info Messenger Ndiaga Wade
Gavinana info Messenger Niccolo Lombardini
Signa info Messenger Milena Prestia
Bagno a Ripoli
Info Messanger Potere al Popolo
Info Messanger Mondeggi

 

Il Festival di Letteratura Sociale si scompone- NASCE “POYOUT-LETTERE CONTRARIE” (Ogni domenica dalle 15.30 su Radio Wombat)

Va bene, la situazione generale non è più chiara di prima e allora noi proviamo a chiarire: la salute nostra e del pianeta non dipende tanto dai comportamenti individuali quanto (e tanto) dal modello economico e produttivo che ci sovrasta. Finché non riusciremo a interrompere lo sfruttamento del pianeta e delle vite che vi brulicano sopra e a sostituirlo con modelli di gestione sostenibili e compatibili con la dignitosa e serena sopravvivenza di tutto e tutt*, il futuro umano-animale-minerale sarà un disastro non diverso (seppur maggiore) da quello che ci ha accompagnato fino alle soglie di questa pandemia-cartinatornasole.

Per questo motivo il festival è nato: per dare spazio e voce a tutte le esperienze che quotidianamente lottano per l’autodeterminazione e per prospettare un futuro migliore per chiunque, indicando le strade da percorrere e sostenendo le battaglie giuste da combattere. Insieme a noi, e insieme tutt* coloro che fanno della cultura un’arma contro l’ingiustizia e l’oppressione.

Perché cultura e arte, se svincolate dalla pura mercificazione, diventano uno strumento essenziale con cui contrastare le narrazioni tossiche che ci vengono imposte dai media-di-regime e dai politici-imprenditori, e il Festival di Letteratura Sociale non intende retrocedere dalla sfida posta da quest’assedio. Dovrà però trovare una strada alternativa per contrattaccare, per continuare a riconnettere, per mezzo della letteratura, esperienze di vita e di lotta ed ancora per sperimentare nuovi modi e mondi in contesti mutati.
E dunque:
Le date saranno cambiate, non certo annullate. Se sarà opportuno, il festival si svolgerà a giugno con le dovute accortezze. Se sarà più opportuno ancora, aprirà dopo l’estate. Vi faremo sapere presto.

Intanto – e non in alternativa – il Festival di Letteratura Sociale si scompone in un Maggio tutto letterario, sfruttando le frequenze radiofoniche di Radio Wombat (1359 AM oppure in streaming su https://wombat.noblogs.org), la radio autogestita fiorentina.

Ogni domenica alle ore 15,30 andrà in onda POIUYT – LETTERE CONTRARIE, un programma tutto dedicato alla letteratura, e più precisamente a quella letteratura portatrice di una cultura libera, solidale e critica della società capitalista in cui viviamo. Romanzi, saggi, poesie e riviste accomunate dalla convinzione che la cultura abbia un valore incommensurabile e debba essere condivisa e accessibile a tutt*.

Presto daremo maggiori informazioni.
Se volete partecipare, inviateci proposte e contributi e dichiarazioni d’amore, costruiamo oggi un nuovo futuro, insieme.

LE RETI SOCIALI FIORENTINE CHE HANNO ATTIVATO LA SOLIDARIETÀ’ ALIMENTARE IN PIAZZA PER PRETENDERE: UN REDDITO DI EMERGENZA UNIVERSALE, CONDIZIONI DI LAVORO SICURE ED UN CAMBIO STRUTTURALE DEL MODELLO ECONOMICO DELLA CITTÀ’ DI FIRENZE

Siamo le attiviste e gli attivisti che si sono immediatamente attivati/e per rispondere con la solidarietà all’esplosione dell’emergenza sanitaria e la conseguente crisi economica. Ci siamo organizzati con reti di mutuo-aiuto nelle nostre comunità, tra colleghi, amici, vicini ed abbiamo attivato un sistema autogestito di aiuto alimentare, che purtroppo ha avuto molto successo. Diciamo purtroppo perché in questo momento di gran bisogno sono oltre 600 le persone che hanno richiesto sostegno. Lo hanno ricevuto grazie a centinaia le persone che si sono offerte di partecipare, sia per fare consegne che attraverso le donazioni.

Tutto ciò testimonia che i “nostri” sono alla fame e che attivare solidarietà permette di affrontare la crisi senza lasciare indietro nessuno. Ogni giorno aumenta il numero di persone che ci chiama: lavoratori a nero o con contratti che coprivano meno ore di quelle realmente lavorate, cassaintegrati, famiglie monoreddito. Sono italiani e immigrati, colf e badanti, “collaboratori” della ristorazione e del sistema alberghiero/Airbnb, impiegati di piccole e medie imprese in sofferenza. Oggi sono tantissime le persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese mettendo un piatto in tavola. La causa di tutto ciò non é il Coronavirus. C’è un virus più potente, che il Covid-19 ha solo reso più evidente e dannoso: quello dello sfruttamento e della precarietà, che si è propagato liberamente negli ultimi vent’anni e che ha creato un mercato del lavoro frammentato, con lavoratori di serie A e di serie B e C, che alla prima scossa si sono ritrovati per terra, soli e senza tutele.

Ma c’è anche dell’altro: il settore del turismo, su cui la classe dirigente fiorentina ha voluto incentrare un modello di “sviluppo” vorace della città, è semplicemente collassato. In questi giorni abbiamo osservato un centro storico in gran parte disabitato, percorso soprattutto da riders affannati, spoglio di abitanti e di studenti. Questi ultimi sono stati espulsi durante gli anni da affitti esorbitanti e da politiche urbanistiche che hanno sostituito all’Università pubblica e alla vita reale dei quartieri un parco tematico carissimo, per masse di turisti “mordi-e-fuggi”, scuole private per stranieri ed eventi di alta moda. Con il sostegno alimentare incontriamo ogni giorno l’universo di persone che questo sistema sta lasciando dietro di sé: persone senza reddito né tutele sociali, sia tra i lavoratori che tra i piccoli commercianti.

Sono decine di migliaia a Firenze, milioni in tutta Italia, le persone, le lavoratrici e i lavoratori per cui la cosiddetta “fase due” semplicemente non partirà. Per molti altri partirà, ma in assenza di garanzia di sicurezza e condizioni dignitose di lavoro.

Oggi, primo maggio, festa dei lavoratori e delle lavoratrici di tutto il mondo, pretendiamo da chi ci governa: condizioni di sicurezza reali per coloro che torneranno a lavoro e reddito di emergenza immediato, senza alcuna discriminazione, per le classi popolari della nostra città e del nostro paese.

I soldi ci sono, sappiamo bene dove prenderli, basta la volontà politica di farlo.

LaPolveriera SpazioComune

Potere al Popolo- Firenze

Occupazione di Via del Leone