Tag Archives: no borders

My Ass has No Borders – NO BORDERS Firenze

Nell’Italia del decreto sicurezza essere senza documenti per la propria condizione di migranti è sempre più difficile. Misure come la chiusura del sistema Sprar o la cancellazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari puntano a rendere estremamente ricattabile un’enorme massa di persone. A Firenze, mentre l’amministrazione democratica si schiera a parole contro l’operato di Salvini, un’ordinanza in vigore da Novembre impedisce a chi abita in strutture di accoglienza di stare fuori oltre le ore 8, impedendendo così momenti di socialità e crescita personale, senza che nessuno dei poteri cittadini muova un dito per contrastarla.

Per una giornata i nostri culi si scrolleranno di dosso razzismo ed oppressione per far spazio alla libera circolazione di arte, cibo ed esperienze. Invitiamo coloro che si sentono oppressi o solidali e tutti coloro che cercano un posto dove poter rappare, raccontare le proprie storie ed essere se stessi , alla giornata che si svolgerà in Polveriera il 27 gennaio.
Dalle 13:00:
> pranzo africano
> open mic ( si consiglia di portare le proprie basi in pennina USB )
> djembe session
> dancehall
> jam session

PER RISCOPRIRE IL CARATTERE SOVVERSIVO DELLA FESTA
PER RIBADIRE CHE L’UNICA VERA FESTA E’ LA SOVVERSIONE

Il collettivo NoBorders Firenze si batte per creare spazi e momenti di condivisione liberi in un contesto dove le frontiere vengono erette non solo come limite geografico, ma anche nella vita quotidiana per creare divisione e paura. Per distruggere tutti i confini, e tutti i pregiudizi.

Carovana migranti in centro America: aggiornamenti e dibattito (23 novembre)

Da più di un mese, una gigantesca carovana di migranti sta attraversando l’America centrale, diretta negli Stati Uniti. La portata di questo spostamento, anomali anche in una regione pur molto attraversata da frequenti migrazioni, ci spinge a interrogarci sulla natura del fenomeno. 10.000 persone che decidono di organizzarsi insieme per combattere per una vita degna, andando incontro a un’infinità di insidie e pericoli, ma anche a tanta solidarietà, non possono essere viste semplicemente come un flusso migratorio, ma rappresentano il sorgere di un vero e proprio movimento politico (forse ancora immaturo e inconsapevole) per la libera circolazione, per la ricerca di un’altra vita possibile. I migranti, spesso rappresentati semplicisticamente come criminali o vittime, sono invece un vero e proprio soggetto politico capace di far pesare il proprio peso sulla bilancia dei conflitti.

Parleremo di questo complesso fenomeno con una compagna attualmente in Messico, che sta seguendo da vicino le vicende della carovana.

A seguire aperitivo messicano e selezione Cumbia, per finanziare le spese del collettivo NoBorders.